Roma 28 luglio 2014
10 maggio 2012

Villini Santa Maria senza fogne. Una infrastruttura primaria negata

Comunicato stampa - editor: CGRN
CONDIVIDI

Sembra incredibile, ma realizzare una rete fognaria in una area oramai centrale di Roma prossima Porta Maggiore, edificata negli anni ’30 con regolari permessi, sembra essere una questione che non interessa più di tanto né il Comune né il Municipio.

L’Associazione Civica Villini Santa Maria a nome dei residenti del quadrante di via Formia, via Labico, via Norma, via Cori, via Minturno, via Sezze da anni chiede inutilmente alle varie Amministrazioni al governo della città di realizzarvi un sistema fognario integrato con la rete cittadina; sebbene l’intervento sia sistematicamente compreso nel loro programma elettorale, non si è mai riusciti a portarlo a termine!

L’attuale Amministrazione *sembrava non* essersi limitata a sole promesse: facendo tesoro delle indicazioni dei residenti chiamati a collaborare ad un tavolo tecnico con l’Amministrazione, più di due anni fà aveva fatto realizzare dalla ACEATO2 un "progetto preliminare" di buona qualità, tale che con limitate integrazioni poteva qualificarsi come "progetto definitivo" , consentendo entro un tempo tecnico contenuto di circa due anni, di risolvere finalmente l’annosa vicenda.

Le rassicurazione ricevute dall’Uffcio Tecnico dell’Assessorato ai LLPP nella persona di Calogero di Rocco, poiché fondate su una chiara documentazione di riferimento e con una valutazione di spesa "contenuta" di 700 mila euro, sembravano superare definitivamente le generiche promesse del passato.

Da allora sono trascorsi due anni ed il progetto è rimasto allo stato preliminare!

Lo spirito di voler fare, e fare bene, che aveva ispirato gli incontri tra gli enti tecnici e la rappresentanza dei cittadini, riuscendo persino a coinvolgere gli organi politici del Municipio e del Comune pur di segno opposto sembra essere sparito.

Abbiamo parlato con la segreteria del Sindaco Alemanno, ci viene detto che la responsabilità dei ritardi sono di ACEA, che ACEA non da seguito ai piani concertati con l’Assessorato, ma come è possibile ?

Ma l’ACEA non è al 51% del Comune? Se questa è la situazione, cosa potrebbe accadere se fosse completamente privata?

Per maggiori informazioni
www.osservatoriocasilino.it/...

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
titleMeteo
Sereno e soleggiato
20°C  | Dettagli
La settimana »
TRAFFICO E VIABILITÀ