Roma 24 novembre 2014
20 giugno 2012

STALKING, SANTORI: “DRAMMATICO BILANCIO. ANCORA POCHE DENUNCE”

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

“Il numero di donne uccise e il dato relativo alle denunce per stalking mostra quanto ancora ci sia da fare sul tema della prevenzione e delle lacune normative inerenti molestie e atti persecutori. Il 35% delle vittime, infatti, non presenta denuncia per sfiducia, paura o per non affrontare le spese legali, aspetto che non consente né una giustizia punitiva, né riparativa nei riguardi degli stalker” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale in merito ai dati del sito www.osservatoriosicurezza.it presentati dall’Osservatorio Nazionale Stalking e dall’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia, che hanno organizzato la 3° campagna nazionale di sensibilizzazione alla violenza psicologica e stalking che sta interessando, dal 14 al 28 giugno, numerose città tra cui Roma (20 giugno), Oria (BR), Sulmona (AQ), Milano e Lucca.

“Da gennaio a giugno di quest’anno sono 66 le donne uccise in Italia. Solo il 13% di queste aveva presentato denuncia per stalking. E’ necessario cambiare l’approccio normativo, puntare sul centro presunti autori per percorsi di prevenzione e risocializzazione del persecutore, al fine di stroncare ogni forma di recidiva e consentire alla vittima di tornare a vivere una vita normale” – conclude Santori, che oggi, 20 giugno 2012 alle ore 15.30 presso la Sala Rosi, Assessorato alle Politiche Sociali di Roma Capitale, prenderà parte alla tappa romana dell’Osservatorio nazionale Stalking, organizzata con il patrocinio della Commissione sicurezza di Roma Capitale, dell’Assessorato alle politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio e del Sindacato di Polizia Co.I.S.P.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
titleMeteo
Parzialmente nuvoloso (notte)
11°C  | Dettagli
La settimana »
TRAFFICO E VIABILITÀ