Roma 24 agosto 2019
21 giugno 2018

Un centro culturale nella bisca degli Spada, Zingaretti a Ostia dice “Game over”

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

“A Ostia una ex bisca del Clan Spada diventa un’associazione culturale aperta al quartiere”. Così il Governatore del Lazio, Nicola Zingaretti presentando ‘Game Over’. Si trattadi una sala slot sottratta alla criminalità organizzata che viene destinata ad nuovo programma: un progetto per il contrasto della dipendenza da gioco d’azzardo.

A presentare il nuovo progetto, in via Carlo del Greco, oltre al presidente Zingaretti, il presidente dell’Osservatorio per la sicurezza e la legalità della Regione Lazio, Gianpiero Cioffredi e Massimiliano Monnanni, presidente di Asilo Savoia, che restituiscono alla cittadinanza la sala slot sequestrata al clan Spada a Ostia. A quanto reso noto, nell’ambito dell’Accordo sottoscritto con il Tribunale di Roma e la Regione Lazio per la realizzazione del programma “Talento & Tenacia – Crescere nella Legalità”, l’Asilo Savoia, Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza, avvierà una progettualità sperimentale per affrontare in maniera innovativa ed efficace il tema del gioco d’azzardo con particolare riguardo alla diffusione delle sale slot e al loro devastante impatto su specifiche fasce sociali, quali i preadolescenti e gli adolescenti.

Sede del progetto dal titolo ‘Game Over’ sarà l’ex sala slot di via Carlo del Greco a Ostia sequestrata nel gennaio scorso al clan Spada di cui è in corso presso il Tribunale di Roma il processo per associazione di stampo mafioso. E’ la prima volta in Italia che una sala giochi sequestrata alla criminalità organizzata diventa luogo di prevenzione dal gioco di azzardo. Come spiegato nel corso della presentazione, in linea con quanto previsto dal Piano sul gioco patologico dalla Regione Lazio che prevede azioni di prevenzione universale rivolte all’intera popolazione, l’Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza Asilo Savoia propone, un laboratorio guidato rivolto ai giovani per istruirli su questo fenomeno ed aiutarli a riconoscere i meccanismi che conducono alla patologia da gioco. I ragazzi coinvolti, infatti, sperimenteranno dal vivo, in un ambiente ricreato nei minimi dettagli, gli stimoli che alimentano gli impulsi a giocare d’azzardo e ciò che contribuisce a mantenere comportamenti disfunzionali.

Gli studenti degli Istituti Secondari di Primo e Secondo Grado, in gruppi di massimo 25, saranno i protagonisti del progetto. Oltre all’esperienza diretta nell’ex Sala Slot di Ostia, i giovani potranno beneficiare di un set di tre incontri da quattro ore ciascuno preceduti da momenti preparatori con le scuole coinvolte. Gli obiettivi, oltre a quello del contrasto del gioco d’azzardo, sono la promozione delle legalità, l’informazione circa la distribuzione territoriale di mafie e beni confiscati, la sensibilizzazione sul delicato tema delle patologie. Il programma verrà implementato da esperti del settore e si avvarrà della collaborazione con l’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità e l’Osservatorio sul Gioco di Azzardo della Regione Lazio. Negli orari pomeridiani la sala di via Carlo del Greco potrà essere utilizzata dalle associazioni di Ostia per iniziative coerenti con le finalità del progetto.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ