Roma 26 marzo 2019
1 ottobre 2008

I LAVORATORI SENZA STIPENDIO DELLA LOGISTIC-COOP PROSEGUONO LA MOBILITAZIONE

Comunicato stampa - editor: Caporedattore
CONDIVIDI

Prosegue senza soluzioni la mobilitazione dei lavoratori della Logistic coop, (16 di nazionalità rumena, 1 di nazionalità moldava ed 1 di nazionalità bulgara, tutti assunti a tempo indeterminato) iniziata lunedì 22 settembre. La protesta è conseguente al mancato pagamento degli stipendi dal mese di aprile ad oggi, oltre al mancato pagamento dei Tfr e delle diarie.

I 18 lavoratori, che si occupano di trasporto merci alimentari e rifiuti riciclabili, erano tutti dipendenti delle società Cersi service e Cersi coop, e sono stati assorbiti dalla Logistic Coop all’inizio del mese di Agosto (tutte società con sede legale ed operativa a Ciampino). Oltre agli stipendi degli ultimi mesi, ai lavoratori non sono stati corrisposti gli importi dei Tfr dalle società di provenienza.

La delegazione dei lavoratori ed i rappresentanti sindacali della segreteria confederale della Cgil Roma sud e Filt Cgil Roma sud sono stati ricevuti mercoledì 24 dal Sindaco di Ciampino Walter Enrico Perandini, e l’Assessore alle Attività Produttive Emanuela Gentile. Successivamente, l’Assessore Gentile ha preso contatti con i titolari delle aziende, riuscendo a mettere questi ultimi al tavolo insieme ai rappresentanti sindacali ed ai lavoratori.

Nonostante le mediazioni, la proprietà non ha preso alcun impegno con i lavoratori, ed ha anzi licenziato i 18 lavoratori. Successivamente, la Cersi ha inviato una proposta di liquidazione dei stipendi non pagati; proposta ritenuta non congrua dai lavoratori e dai sindacati, in quanto non comprendente le diarie e i Tfr.

Nei prossimi giorni le delegazioni dei lavoratori e dei sindacati saranno ricevuti dall’Assessore al lavoro della Regione Lazio Alessandra Rinaldi, dall’assessore al lavoro della Provincia di Roma, Massimiliano Smeriglio.
“Aiuteremo i lavoratori in tutte le sedi – afferma l’Assessore Gentile – perché non è possibile non dare risposta a chi da sei mesi lavora regolarmente e non percepisce lo stipendio. Questa situazione ha già messo a serio rischio le famiglie che hanno mutui con rate mensili e stanno rischiando il pignoramento da parte delle banche.”

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ