Roma 24 novembre 2014
2 dicembre 2011

Municipio VI. Cittadini finanziano l’area cani dell’Acquedotto Alessandrino.

di CGRN
CONDIVIDI

Nasce l’area cani del parco Sangalli all’Acquedotto Alessandrino. La zona (situata a ridosso della bocciofila) è stato recintata con pali in legno e separata dal resto del parco per consentire una migliore coabitazione fra bambini, adulti e amici a quattro zampe.

L’iniziativa è stata ideata, promossa e realizzata direttamente da un gruppo di cittadini residenti nella zona (riunito nel comitato "4 Zampe") con il via libera del Municipio che ha approvato il progetto.

Le spese di creazione dell’area sono state sostenute interamente dal comitato con il classico metodo della sottoscrizione-autotassazione.

Un risultato importante per il parco frutto della tenacia e l’inventiva di alcuni cittadini che - esempio non proprio comune nella nostra città - hanno deciso di impegnarsi in prima persona dando così un esempio pregevole di cittadinanza attiva.

Una spinta propulsiva al miglioramento dell’area che non si ferma alla creazione dell’area cani. Un gruppo sempre più numeroso di cittadini dell’area, infatti, periodicamente si prende del parco e dell’adiacente piazzale ed è riuscito, dopo pressioni e petizioni, a far avviare i lavori di sistemazione dell’area giochi di Largo Petazzoni (lavori che il Municipio VI è riuscito a sbloccare grazie a finanziamenti provinciali).

Ma non basta. Sempre nell’are un gruppo di cittadini, riuniti sotto la siglia ORTOdossi prenestini&labicani sta progettando un intervento di ripristino dell’area verde (ormai abbandonata) situata alla fine del viale dell’Acquedotto Alessandrino.

Dopo anni di ingiustificabile abbandono, il Parco Sangalli sembra vivere una nuova primavera. Una rinascita che non arriva però da progetti "calati dall’alto" ma dalla libera iniziativa di privati cittadini, associazioni e comitati che, come non mai in questi anni, stanno supplendo ad alcune deficienze amministrative e stanno creando un vero e proprio laboratorio ri-progettazione del territorio.

Un fermento nuovo - e forse inedito nella zona - che sta già indicando chiaramente le linee guida un ripensamento dell’intero quadrante Certosa-Quadraro-Torpignattara-Marranella: verde, decoro, piazze, isole perdonali e cemento zero.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
titleMeteo
Parzialmente nuvoloso (notte)
11°C  | Dettagli
La settimana »
TRAFFICO E VIABILITÀ