Roma 21 dicembre 2014

M. Amelia Monti e G. Ingrassia in MICHELINA - Teatro Vittoria

Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 7 maggio 2012
CONDIVIDI
M. Amelia Monti e G. Ingrassia in MICHELINA - Teatro Vittoria
MUNICIPI E QUARTIERI

Dall’8 al 20 maggio

Ambra Group presenta

MICHELINA

scritto e diretto da Edoardo Erba

con Maria Amelia Monti, Giampiero Ingrassia, Amerigo Fontani, Mauro Marino, Gianni Pellegrino, Annalisa Amodio

musiche di Federico Odling

costumi di Massimo Poli

Siamo nel 1948. In Vaticano hanno urgenza di proclamare santa suor Ercolina. Ma per fare un santo ci vogliono tre miracoli, e della suora se ne trovano a stento due. Il cardinal Dorigo un miracolo ce l’avrebbe: l’ha chiesto e ottenuto per il fratello una mondina lombarda. Sarebbe perfetto se non fosse per un dettaglio: benché compaesana di suor Ercolina, la donna non ha invocato lei ma un’altra santa. Pur di velocizzare il processo, Dorigo decide di andare di persona in Lomellina a vedere se è possibile ottenere un piccolo… ritocco a questa versione.

In Lomellina Arturo Bonavia, uno sgangherato cantante che gira le balere di terz’ordine, si ritrova senza soubrette, e viste le gambe di una bella mondina in mezzo alle risaie, la assume immediatamente. La donna si chiama Michelina, canta sguaiatamente, si muove male, ma ha il fisico giusto, e Arturo, con comico cinismo, le insegna a stare sul palcoscenico.

“Sono partito dall’idea di scrivere una commedia musicale di tipo nuovo.” - dichiara Edoardo Erba - Con una trama originale, che provasse a rinnovare un repertorio fermo dall’epoca di Garinei e Giovannini. Non avevo insomma nessuna intenzione di rispettare il genere scrivendo qualcosa di convenzionale, che desse solo buoni spunti alle canzoni. Volevo la musica dentro una cosa vera, pulsante, che si ispirasse alla miglior commedia all’italiana del cinema del dopoguerra. Non avendo mai scritto teatro musicale, ho pensato che per coerenza col mio tragitto fosse utile partire dalla musica come elemento tematico prima ancora che formale. Così è stato spontaneo ispirarsi al mondo del varietà, e a un personaggio che del varietà era l’emblema, la soubrette.

Se non sai cantare, se non sai ballare, sei perfetta per fare la soubrette si diceva all’epoca. Dunque Michelina arriva al palcoscenico per caso, non per vocazione. E’ una mondariso della Lomellina, che sta tutto il giorno coi piedi nell’acqua, non più giovanissima, ma con un bel fisico scattante e un carattere che nella sua ingenuità si impone e conquista. E l’Arturo, cantante sentimentale che batte i peggiori locali della zona, rimasto senza la sua soubrette, la vede nei campi e l’assume all’istante. Un po’ come fa Silver Boy nel bel film “Basta guardarla” di Luciano Salce, che però ambienta la storia negli anni Sessanta. “Michelina” invece si svolge quasi un ventennio prima, nel 1948. In quell’anno in Italia, con la vittoria di De Gasperi alle elezioni e la sua decisiva scelta atlantica, finisce il primo dopoguerra. Poi ci sono l’attentato a Togliatti e Bartali che vince al Giro di Francia. Se il quarantotto ottocentesco era diventato sinonimo di disordine, quello del Novecento è nel segno della stabilizzazione. Comunque un anno cruciale, di cui noi siamo figli.

L’altro polo della narrazione – nella commedia - è la vicenda del miracolo: il cardinal Dorigo è alla ricerca del terzo prodigio per beatificare suor Ercolina. Non è solo uno spunto narrativo, avevo voglia di indagare su “come si fa un santo” - questione sempre d’attualità - in modo non ideologico, sereno, con gli strumenti della commedia. Senza satira ma senza indulgenza. Mi è sembrato che questi due elementi, il varietà e il Vaticano, proprio perché apparentemente antitetici, potessero produrre buon carburante per la dinamica del racconto. Ne è scaturita una storia d’amore, un quadretto d’epoca, un melò che infine precipita su se stesso, in modo ricorsivo. Perché la sintesi fra i due mondi contrapposti per me avviene solo qui, in teatro, nella loro rappresentazione.

Collaborando con Federico Odling ho poi scritto le parole alle bellissime canzoni, in perfetto stile anni Quaranta, che lui ha composto. Credo che le due parti, musicale e in prosa, grazie al suo lavoro siano diventate davvero inscindibili. Il risultato mi pare profondamente italiano. Pesca nelle nostre radici culturali e musicali, e credo che oggiAggiungi un appuntamento per oggi, nel momento in cui l’identità collettiva vacilla, sia utile ricordare che le abbiamo.”

TEATRO VITTORIA

Piazza S. Maria Liberatrice, 10 – Roma

INFO: 06 5740170

ORARIO: mar./sab. h 21.00 - dom. h 17.30

BIGLIETTI: intero € 24,00 ridotto € 12,00

COMMENTA L'ARTICOLO
titleMeteo
Sereno e soleggiato
12°C  | Dettagli
La settimana »
«
»
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4