Roma 20 luglio 2019
24 agosto 2011

SICUREZZA, NANNI (PD): NULLA ACCADE PER CASO

Comunicato stampa - editor: Caporedattore
CONDIVIDI
SICUREZZA, NANNI (PD): NULLA ACCADE PER CASO
ARGOMENTI

Mi chiedo dove abbia vissuto negli ultimi anni il delegato alla Sicurezza Gorgio Ciardi, la sensazione, viste le dichiarazioni che rilascia, sembra che sia stato in vacanza sulla luna. Ad affermarlo in una nota il consigliere del PD Dario Nanni, membro della commissione sicurezza. Infatti, da una parte, nonostante tutto quello che sta accadendo nella nostra città, come gli struzzi affonda la testa sotto terra continuando a dispensare frasi di circostanza, dall’altra, dimentica, o forse più semplicemente, non conosce quello che hanno detto e quello che hanno fatto i suoi compagni di partito, e quindi lo invito prima di rintervenire maldestramente, a rileggersi i commenti e le affermazioni fatte dell’attuale Sindaco e dagli esponenti della destra, durante la campagna elettorale del 2008 e quando a Roma governava il centro sinistra. Troppo semplice ora scaricare le responsabilità o sminiuire come fa Ciardi tutto quello che sta accadendo da mesi a Roma, come semplice frutto di vendette personali, di vicende passionali, di privati regolamenti di conti. Facendo così, oltre a non inquadrare il problema, si sottovaluta la portata di aspetti che comunque riguardano direttamente la sicurezza. Quando si è amministratori di una città, ancor più se questa città è Roma, bisogna avere innanzitutto senso di responsabilità, cosa che non ha mai dimostrato la destra capitolina a partire dall’attuale Sindaco, quando era consigliere d’opposizione. E’ surreale poi che il delegato alla Sicurezza invece che rispondere nel merito, invece di prospettare interventi da mettere in campo, si prodighi a commentare le dichiarazioni altrui. Da cittadino, prima ancora che da amministratore, sono stanco di sentirmi ripetere che vanno rafforzati gli organici, anche perchè prima che ai romani o all’opposizione, queste cose la maggioranza dovrebbe dirlo al proprio governo. Ma a parte questo rimpallo di responsabilità con il governo nazionale, quello che l’attuale governo capitolino dovrebbe fare è rivedere radicalmente l’idea che ha della nostra città dal punto di vista sociale e culturale. Nulla accade per caso conclude Nanni e quelle che sta succedendo nella nostra città è anche il risultato di scelte sbagliate e del continuo ricorso a demagogici interventi spot che dopo gli insignificanti ed effimeri risultati, producono esattamente l’effetto contrario, ovvero la mancata soluzione dei problemi.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ