Roma 24 agosto 2019
17 settembre 2014

Roma, una via a Oriana Fallaci: il Comune dice no

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

Roma dice ’no’, per il momento, ad una strada intitolata ad Oriana Fallaci. Toni accesi in Campidoglio dove l’assemblea capitolina ha bocciato una mozione, presentata da un consigliere di Ncd e firmata da tutti i gruppi capitolini, che prevedeva l’intitolazione di una via alla giornalista e scrittrice. A votare contro però sia il Pd che Sel ’contestando’ una frase all’interno del testo del documento considerata "inneggiante all’odio religioso".

All’indomani dell’ottavo anniversario della morte della Fallaci, l’idea di intitolarle una via o una piazza nella Capitale fa discutere. Così come è successo proprio ieri a Firenze, città natale della giornalista scomparsa nel 2006, dove il sindaco Dario Nardella è intervenuto sulla questione: "Ogni cosa a suo tempo - ha detto -, passo dopo passo: analizzeremo tutte le condizioni, tutti i fattori che possono portare ad una decisione in questo senso prima dei dieci anni dalla morte, previsti dalla procedura ordinaria".

A far cambiare idea sul voto ai consiglieri di Pd e Sel in Campidoglio è stata una frase contenuta nelle premesse della mozione - "Secondo la scrittrice fiorentina, staremmo assistendo ad un pianificato tentativo del mondo musulmano di islamizzazione dell’Occidente, basato su quelle che, a suo parere, rappresentano le strutture portanti del Corano". "C’è un riferimento all’islamizzazione dell’Italia - commenta il capogruppo di Sel in Campidoglio Gianluca Peciola - e il testo aveva un contenuto di odio ideologico verso l’Islam che non ha nulla a che fare con il radicalismo di alcune minoranze. Siamo ovviamente d’accordo all’intitolazione di una strada ad Oriana Fallaci".

"Abbiamo bocciato la mozione perché c’erano un paio di incisi nel testo della mozione che avrebbero potuto creare problemi - aggiunge il coordinatore della maggioranza Fabrizio Panecaldo - Ci sono apparsi pesanti. Ma abbiamo già depositato un ordine del giorno, che voteremo a fine della seduta, per intitolare una strada ad Oriana Fallaci. Vedremo se l’opposizione la voterà". "Credo nel tentativo del mondo estremista musulmano di islamizzare l’Occidente ed allo stesso tempo il mio Paese che si chiama Italia e che io difenderò fino alla morte - spiega il consigliere Ncd Marco Pomarici, primo firmatario del documento - Oriana Fallaci è stata profetica e tutto quello che ha scritto ora si sta avverando. Il Pd, dilaniato ancor più al suo interno si è ritrovato nel votare contro un documento che esprime il pensiero della stragrande maggioranza dei cittadini italiani e romani".

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ