Roma 18 giugno 2019
24 novembre 2014

Roma, nuda sul cornicione di un palazzo per sfuggire dallo stupratore

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Roma, nuda sul cornicione di un palazzo per sfuggire dallo stupratore
MUNICIPI E QUARTIERI
ARGOMENTI

Una donna peruviana, completamente nuda, è salita sul cornicione di un palazzo nei pressi della stazione Termini, a Roma, per sfuggire da uno stupratore. Un senzatetto ha immediatamente lanciato l’allarme e la donna è stata salvata da polizia e vigili del fuoco. Sotto shock e con alcune ferite, è stata accompagnata al policlinico Umberto I. L’aggressore, un romeno di 44 anni, è stato fermato.

La donna, che è fortunatamente rimasta incastrata con una gamba nel motore di un condizionatore, è stata tratta in salvo e riportata all’interno della stanza di un affittacamere da cui si era buttata. Qualche minuto dopo gli agenti hanno bloccato nell’androne del palazzo il romeno, con il volto pieno di graffi, mentre tentava la fuga.

L’uomo è stato portato negli uffici della polizia ferroviaria e arrestato per violenza sessuale. La donna, di 43 anni, è stata invece portata in ospedale e le visite mediche hanno confermato la violenza subita. "Mi ha strappato i vestiti e mi ha violentata tenendomi una mano sulla bocca per non farmi gridare" avrebbe denunciato la donna ai poliziotti.

A quanto ricostruito i due si erano conosciuti sabato in un locale nei pressi della stazione Termini e, alla fine della serata, in comitiva si erano spostati nella stanza affittata dall’uomo. "All’improvviso mi sono trovata da sola con lui - avrebbe proseguito la peruviana - e lui mi è saltato addosso. Ho tentato di reagire graffiandolo. Poi ho visto la finestra aperta e mi sono lanciata". Secondo quanto si è appreso, il romeno vive in Italia da poco tempo e non ha precedenti.

Nel corso delle operazioni di salvataggio della donna sono rimasti feriti due poliziotti e un vigile del fuoco. Si tratta di un pompiere che ha sorretto la donna per evitare che cadesse, di un agente che le ha messo le manette al polso per metterla anche lui in sicurezza dal rischio di una caduta e di un secondo poliziotto, rimasto lievemente ferito perché si è trovato accidentalmente dietro un mezzo dei vigili del fuoco mentre effettuava una retromarcia.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ