Roma 5 dicembre 2019
17 aprile 2014

Q44: Il Municipio ricorda le vittime del rastrellamento del Quadraro

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Q44: Il Municipio ricorda le vittime del rastrellamento del Quadraro
MUNICIPI E QUARTIERI

Settant’anni fa circa 1000 uomini rastrellati dal quartiere Quadraro furono deportati nei campi di concentramento in Germania; era il 17 aprile 1944 e noi non li abbiamo dimenticati.

Ieri si è svolta la cerimonia per l’Anniversario del rastrellamento, in via dei Quintili accompagnati dalla Fanfara della Legione allievi Carabinieri e da una nutrita folla di cittadini, l’assessore di Roma Capitale, Flavia Barca, l’assessore della Regione Lazio, Concettina Ciminiello, la presidente del Municipio Roma VII, Susana Fantino e il presidente del Municipio Roma V, Giammarco Palmieri, hanno deposto una corona di alloro sulla targa memoriale.

La Banda musicale del Corpo della Polizia Locale di Roma Capitale ha poi guidato il corteo verso il Parco “17 aprile 1944” dove si è reso omaggio al monumento in ricordo delle vittime.

L’Associazione Punto di Svista in collaborazione con Officina Culturale Via Libera e Spartaco.it si è fatta promotrice del progetto Ginkgo che disseminerà in spazi sia pubblici che privati del quartiere le opere degli artisti che vivono o lavorano tra il Quadraro e Tor Pignattara, creando atelier in collaborazione con Off1c1na e Studio 54. “Gli artisti – dichiara Palmieri – tra cui vogliamo ricordare Nicola Rotiroti, ma anche Paolo Assenza, Arianna Bonamore, Paolo Dore, Luca Grechi, Marta Mancini, Anahi Angela Mariotti, Tommaso Medugno, Franco Ottavianelli, Gino Piacentini, Julie Poulain, Germano Serafini, Simone Tso e Daniele Villa, renderanno omaggio al nido di vespe, nome che i tedeschi avevano affibbiato al quartiere, reinterpretando il dolore e il trauma ma anche la forza e il coraggio della Resistenza, in un quartiere che ancora oggi mantiene vivo il ricordo nella propria cultura. L’Amministrazione deve favorire il rapporto tra la memoria storica e la contemporaneità anche attraverso un percorso artistico nell’attuale contesto urbano”.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ