Roma 27 maggio 2017
28 giugno 2014

PERIFERIE E PARI OPPORTUNITÀ. NASCE A CENTOCELLE IL PRIMO COWORKING CON SPAZIO BABY

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

L’Alveare" avrà 30 postazioni di lavoro e un’area dedicata ai bimbi. La presentazione ieri in Campidoglio

Un grande ambiente di 200mq per il lavoro in condivisione, dotato anche di spazio baby e di educatrici professioniste per facilitare e incentivare l’attività lavorativa delle mamme e dei papà. Ma anche di professionisti, associazioni, cooperative, aziende. È il progetto “L’Alveare”, realizzato dall’associazione “Città delle Mamme” in collaborazione con l’Assessorato allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale, e frutto della partecipazione di Città delle Mamme al bando Call for social Ideas promosso da Italia Camp e UniCredit. Il progetto è stato presentato questa mattina in Campidoglio dall’Assessore capitolino allo Sviluppo delle Periferie Paolo Masini, dagli assessori del Municipio VI Giulia Pietroletti e Cesare Marinucci e dalle rappresentanti di “Città delle Mamme” Francesca Ventura e Serena Baldari.

CONCILIARE I TEMPI - L’Alveare aprirà a settembre in via Fontechiari 35, a Centocelle, negli spazi messi a disposizione da Roma Capitale, e sarà dotato di 30 postazioni di lavoro, 3 uffici/sale riunioni e di uno spazio baby di 53mq.
A disposizione delle e dei co-workers, le attrezzature tipiche di un ufficio (pc, stampanti, proiettori, software), una cucina dedicata e un parcheggio esterno, così come servizi “salvatempo”: spesa a domicilio, gruppi di acquisto, disbrigo pratiche. Nell’area esterna, uno spazio separato per bimbi e coworkers.
Il “coworking con spazio baby” è pensato per permettere ai neogenitori di tornare a lavorare dopo la nascita del bambino (a partire dai 4 mesi) condividendo un luogo di lavoro ma anche un luogo di accudimento e cura, contrastando la tendenza imposta dall’attuale mercato del lavoro, che rende spesso difficile la conciliazione fra tempo per il lavoro e tempo per la famiglia.

CONDIVISIONE E FORMAZIONE - Le tariffe del coworking e dello spazio baby sono pensate per facilitare la partecipazione, e partono da circa 3€/h con agevolazioni e sconti per chi usufruisce di più servizi contemporaneamente e per un tempo prolungato.
Le aziende avranno la possibilità di convenzionarsi con il coworking per il telelavoro e per il periodo di rientro dalla maternità delle lavoratrici dipendenti (soluzione pensata per tutte le aziende sprovviste di nido). All’interno del coworking sarà attiva anche una community per condividere le modalità lavorative, coprogettare servizi e attività, stimolare la creazione di sinergie e l’adozione di buone pratiche di cooperazione fra le diverse professionalità. Lo spazio sarà sfruttato anche per l’organizzazione di corsi di formazione professionale, di orientamento al lavoro, di progettazione europea e di lingue, in collaborazione con enti formatori, cooperative sociali, istituti di lingue.

“PROSSIMA TAPPA: CORVIALE” – “L’Alveare è un progetto molto innovativo, che per la prima volta fa nascere a Roma un luogo che contemporaneamente stimola la condivisione del lavoro e delle buone pratiche, porta nuove opportunità di sviluppo delle periferie attraverso l’autopromozione sociale e soprattutto favorisce la conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa delle neomamme e dei neopapà” ha dichiarato l’Assessore allo Sviluppo delle Periferie Paolo Masini, che ha realizzato il progetto assieme all’associazione “Città delle mamme”. “In attesa di veder aprire le sale e le postazioni di questo spazio a settembre - ha annunciato Masini - siamo già al lavoro sulla prossima tappa. A breve, infatti partirà il bando per il “CorSpace”, un nuovo coworking che nascerà a Corviale e che rappresenterà un’importante opportunità di riqualificazione delle periferie attraverso il rilancio di quel tessuto economico e creativo rappresentato dai giovani e dalle loro idee".

“L’inaugurazione dell’Alveare è un’azione concreta importante per i neogenitori, e in particolare per le donne, che vogliono continuare a lavorare e non restare escluse dal mondo del lavoro” ha detto l’assessora alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità Alessandra Cattoi, che ha appoggiato l’iniziativa. “Conciliare i tempi di lavoro con quelli di cura, attraverso modalità operative di condivisione degli spazi e delle idee - ha proseguito - diventa finalmente possibile e mi auguro di poter sostenere altre iniziative come questa in vari municipi della città. Anche perché, tramite il progetto “Alveare”, non solo si riesce a svolgere la propria attività in un ambiente idoneo alle esigenze lavorative e genitoriali, ma si offre anche un servizio al territorio, creando una rete importante di sostegno tra famiglie e non solo. Questa iniziativa, inoltre, rappresenta il risultato di una collaborazione proficua tra istituzioni e privati in un’ottica di valorizzazione - ha concluso - delle capacità imprenditoriali delle persone in zone più periferiche della città.”

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ