Roma 18 giugno 2019
16 giugno 2015

Multiservizi, la protesta dei lavoratori si sposta a Montecitorio

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Multiservizi, la protesta dei lavoratori si sposta a Montecitorio
MUNICIPI E QUARTIERI

La protesta dei lavoratori di Roma Multiservizi si sposta a Montecitorio. Dopo l’occupazione dell’Aula Giulio Cesare e il sit-in di ieri a piazza del Campidoglio, i dipendenti dell’azienda – che si occupa di asili nido, trasporto disabili e normodotati e pulizie delle scuole della Capitale – si sono dati appuntamento questa mattina davanti al Parlamento per chiedere continuità lavorativa e occupazionale.

“Siamo qui dalle 8 di stamattina. Vogliamo continuare a lavorare e chiediamo la revoca della delibera che prevede la gara a cinque lotti, che significherebbe frammentarci in piccole cooperative con tutto ció che comporta”, ha spiegato Franco Gaetani, operatore asili nido.

Alle 11 una delegazione incontrerà i deoutati Pd Marco Miccoli e Stefano Fassina. “Si aprirà stamattina un tavolo con sindacati e una delegazione di tre lavoratori, in cui porteremo le proposte che abbiamo formulato”, ha infatti aggiunto Gaetani, ribadendo che i lavoratori chiederanno la tutela dei posti di lavoro, l’annullamento della gara a cinque lotti e proporranno una gara a doppio oggetto, che “garantisce gli attuali livelli occupazionali ed evita frammentazioni”.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ