Roma 26 giugno 2019
27 agosto 2009

Foro Italico - imminente restituzione Casa delle Armi al Coni

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

“Esprimo soddisfazione per l’imminente restituzione della “Casa delle Armi” al Foro Italico, prevista per il prossimo 31 agosto.
Si tratta di uno dei grandi capolavori dell’architettura moderna italiana trasformato negli anni del terrorismo in aula bunker. Per la fine del mese, si prevede che la Casa delle Armi verrà definitivamente liberata dalla presenza dei Carabinieri e riconsegnata all’Agenzia del Demanio che l’assegnerà alla CONI Servizi SpA”. E’ quanto dichiara Luigi Celori, consigliere del Pdl alla Regione Lazio.

“La Casa dell Armi – prosegue Celori –, progettata nel 1933 dall’architetto razionalista Luigi Moretti, originariamente era adibita a palestra della scherma e biblioteca dello sport, era stata trasformata poi nel 1981 in aula bunker per il processo Moro subendo malauguratamente gravi danni all’impianto architettonico originario e agli affreschi di Achille Capizzano presenti al suo interno.
Successivamente, al termine della stagione del terrorismo, la struttura venne abbandonata e sostituita con la più funzionale aula bunker di Rebibbia”.

“Mi auguro – conclude Celori – che la Regione Lazio intervenga prontamente per sostenere il restauro conservativo del complesso, favorendo il ripristino della Sala della Scherma e la creazione di un Museo dello Sport. E’ dal 2004 che attendo che venga data concreta attuazione all’ordine del giorno presentato in Consiglio Regionale che impegna la Regione Lazio ad intervenire per favorire la restituzione della Casa delle Armi al CONI per realizzarne un Museo dello Sport”.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ