Roma 14 novembre 2019
13 maggio 2014

Elettrosmog. Radio Vaticana abbatte le prime 4 antenne

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

Riceviamo da "Comitato Bambini Senza Onde" e pubblichiamo:

"In questi ultimi giorni quattro antenne ad onde medie sono state abbattute. Le antenne, a forma di fungo, che si trovavano a ridosso della linea ferroviaria tra le fermate di Cesano ed Olgiata, risultavano spente da diversi mesi come annunciato direttamente la Radio Vaticana nel luglio del 2012.

Questo è un giorno fondamentale. La fase di demolizione delle antenne è cominciata. Dopo anni di lotta nei quartieri, nei tribunali e tra le persone questo non può che essere un momento di gioia immensa. Non si riesce però a capire, a seguito di numerose nostre richieste, quale sia il programma per lo smantellamento delle altre antenne e quale il piano per la satellizzazione dell’intero palinsesto. La comunicazione della dismissione degli impianti di onde medie, fatta in passato, non basta per garantire la salute all’interno quadrante nord di Roma e dei comuni confinanti.

Le trasmissioni della radio raggiungono paesi e comunità dall’altra parte del mondo e per farlo utilizzano ancora le onde lunghe che partono direttamente dall’impianto. Tuttora queste onde attraversano i nostri corpi che subiscono un’esposizione quotidiana.
Per questo noi non abbasseremo mai la guardia fino al giorno in cui tutte le antenne non verranno dismesse ed abbattute.

Ci auspichiamo che nei prossimi giorni ci sia una comunicazione ufficiale della Radio Vaticana che descriva il piano di smantellamento. Non è una richiesta impossibile, ma lo si deve ai tanti che hanno sofferto a causa dell’inquinamento elettromagnetico provocato dall’impianto e, a scanso di equivoci, condannato dai tribunali competenti."

Commenta Agnese Rollo Consigliere Municipio Roma XV:
"L’abbattimento in questi giorni delle quattro antenne gemelle ad onde medie rappresenta la concretizzazione della lotta, non solo dei comitati che dal 2000 lottano contro l’inquinamento elettromagnetico, ma dell’intero quadrante nord di Roma e della cinta dei comuni confinanti dell’area metropolitana.

La novità di questi giorni è una risposta concreta ad una lotta decennale di cittadini e comitati che si battono per la restaurazione totale del diritto alla salute che manca da oltre 40 anni.

Questo però non basta. La Direzione della Radio Vaticana deve assumersi la responsabilità di comunicare alla cittadinanza quando ed in quanto tempo verranno effettuate tutte le operazioni di smantellamento dell’impianto.

Alla base di questa richiesta e della lotta cittadina c’è sempre il principio precauzionale mai seguito dalla Radio che non ha mai avuto una condotta cautelativa su una questione, in passato, scientificamente controversa, ma ora avallata da studi e da una sentenza della Corte di Cassazione che dimostra il nesso causale tra emissioni e malattie del sistema emolinfopoietico.

Ci attiveremo in questi giorni per comprendere la disponibilità dell’apertura di un dialogo tra gli organi competenti a tutti i livelli e la Radio, per meglio comprendere il piano di smantellamento."

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ
VOSTRE NEWS DAL MUNICIPIO