Roma 22 maggio 2019
5 agosto 2014

Colpo grosso alla banca della Camera

Roma, preso rapinatore: ero disperato
Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Colpo grosso alla banca della Camera
MUNICIPI E QUARTIERI
ARGOMENTI

Rapina a Roma nella filiale del Banco di Napoli a Palazzo San Macuto. Un rapinatore di 38 anni è entrato nella filiale della banca nel palazzo che ospita le commissioni bicamerali d’inchiesta del Parlamento, si è fatto consegnare 15mila euro dalla cassiera ed è scappato da un ingresso secondario del complesso. L’uomo, entrato nella piccola sede della banca con il volto coperto da una maschera di carnevale, è stato arrestato.

L’uomo indossava una maschera di carnevale e avrebbe minacciato la cassiera con un taglierino prima di scappare da un uscita secondaria dileguandosi tra i vicoli del centro storico. E’ quanto emergerebbe dalle prime testimonianze. Sulla vicenda indaga dell’Ispettorato generale della polizia di Stato a Montecitorio.

E’ stato arrestato nei locali dell’ufficio postale di Montesacro a Roma. L’uomo aveva già depositato parte del bottino ed è un dipendente di "Milano 90", una società esterna di servizio per la Camera.

"Non avrei mai voluto farlo, ma ero disperato". E’ quanto ha detto alla polizia l’autore della rapina. Secondo quanto si è appreso, il 38enne ha detto di essersi pentito del gesto, ma che è stato spinto a farlo per grossi problemi economici. Lavorava nella mensa di palazzo San Macuto ed era in ferie. Padre di due figli ha detto di avere seri problemi economici. L’uomo è stato riconosciuto dalle telecamere di sicurezza: è entrato regolarmente all’interno dell’edificio e per la rapina ha indossato una maschera rossa da diavolo. Poi è scappato da un’uscita secondaria e ha raggiunto in auto l’ufficio postale di Montesacro dove è stato arrestato dalla polizia mentre versava parte del bottino.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ