Roma 22 maggio 2019
14 settembre 2011

Caro libri, è boom dell’usato a Lungotevere Oberdan

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

Riceviamo da "Associazione Librai Lungotevere Oberdan" e pubblichiamo.

Conclusi gli esami di riparazione e formate le classi delle superiori, torna d’attualità il problema del caro libri. In alcune classi dei licei romani infatti, per comprare tutti i testi segnalati dai docenti si arriva a spendere fino a 430 euro, nonostante il tetto fissato a 320.

Sul piede di guerra le associazioni dei genitori, vista la sostanziosa spesa che le famiglie sono costrette ad affrontare per i cambi di testo che ogni anno vengono decisi dagli insegnanti.

Il discorso si fa ancora più pesante per gli iscritti al primo anno di liceo, considerato anche il bisogno di acquistare vocabolari. Per il Codacons, alla fine ogni famiglia spenderà in media l’8% in più rispetto al 2010.

In questo senso va intesa anche la decisione del XVII municipio di patrocinare lo storico mercato del libro usato di Lungotevere Oberdan perché - scrive la presidente Antonella De Giusti - "in un momento di forte crisi economica, queste esperienze hanno un’importanza fondamentale".

Dai banchi del mercato intanto, i librai registrano un boom di presenze che attraversano praticamente tutte le classi sociali.
Secondo un’indagine di Studenti.it, addirittura il 76% dei ragazzi comprerà libri usati per il prossimo anno scolastico. “Sempre più persone vengono da noi per risparmiare - spiega Massimiliano, da anni presente con il suo banco - e ormai senza distinzione di classe sociale. Quest’anno in particolare l’afflusso qui a Lungotevere Oberdan è aumentato e non è per nulla insolito ormai vedere genitori anche abbienti venire qui per risparmiare. In tempi di crisi come questi, diventa quasi impensabile poter comprare soltanto testi nuovi in negozio, anche considerato il fatto che alcuni libri a fine anno rimangono intonsi”.

Sito ufficiale: www.libriusatioberdan.it

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ