Roma 22 settembre 2019
12 luglio 2013

Bioedilizia a Roma con il primo edificio multipiano in legno della capitale

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

Non solo professionisti, progettisti e operatori del settore hanno raccolto l’invito all’apertura dei cantieri del primo edificio multipiano in legno della capitale che si è svolta ieri, per verificare velocità, versatilità e tecniche di montaggio dell’uso del legno per la costruzione di edifici di questo tipo, ma anche una buona dose di pubblico. La visita nel cantiere ’Parco di Plinio’ all’Infernetto, dedicata a seguire le fasi di costruzione di un edificio di 5 piani e 32 appartamenti con tecnologia costruttiva in legno X-Lam fa parte del ciclo di seminari, organizzati da Toiko.

Costruire in legno con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Roma, per diffondere la conoscenza tra i progettisti, strutturisti e non, di nuove strade e nuove tecnologie che, nel caso specifico del legno, garantiscono interessanti performance dal punto di vista della resistenza al fuoco, dell’antisismicità, dell’acustica, del risparmio energetico e del comfort abitativo. In un periodo particolarmente difficile per il settore delle costruzioni, quello delle costruzioni in legno rappresenta l’unico mercato in crescita, con previsioni di incremento, entro il 2015, pari a +50% per l’edilizia residenziale e +70% per l’edilizia non residenziale (ospedali, scolastica, capannoni, uffici).

’’Costruire in modo ecosostenibile deve diventare una priorità per avere città sempre più vivibili’’. Così ha commentato Angelo Rughetti deputato Pd in occasione dell’inaugurazione del cantiere. "La tecnologia costruttiva in legno è senza dubbio un’ottima risposta anche in termini di risparmio energetico e comfort abitativo - ha sottolineato Rughetti - E’ una sfida che progettisti e costruttori devono cogliere per penetrare un mercato sempre più consapevole, attento e sensibile al benessere abitativo e al green building".

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ