Roma 21 luglio 2019
12 dicembre 2013

Atletico Morena, la Seconda categoria torna all’antico – Marconi: «Ora il Dacica, non fidiamoci»

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Atletico Morena, la Seconda categoria torna all'antico – Marconi: «Ora il Dacica, non fidiamoci»
MUNICIPI E QUARTIERI
ARGOMENTI
- Sport

Per una squadra che ha vinto otto gare di seguito, essere a digiuno da vittorie per due turni deve sembrare un’eternità.

Per questo l’Atletico Morena si è affrettato a ripristinare le antiche abitudini e, dopo aver collezionato un punto nelle ultime due partite, ha battuto 3-1 lo Sporting Torbellamonaca in campo avverso grazie alle reti di Tarquini, Bertuccini e Marconi. «Non è stata affatto una partita semplice – dice proprio il 27enne difensore Matteo Marconi, al primo sigillo stagionale – perché dall’altra parte c’era una squadra tosta che conoscevo molto bene per averci giocato qualche tempo fa. Tra l’altro il Torbellamonaca è andato anche in vantaggio per primo. Poi, dopo il pareggio di Tarquini, è stato decisivo il nostro portiere Galassi che ha parato il rigore del possibile 2-1 locale. Quell’episodio ci ha dato la scossa e con la rete di Bertuccini e la mia abbiamo chiuso il primo tempo e poi la partita sul 3-1 a nostro favore».

Il prossimo avversario (domenica alle ore 11 al centro sportivo “Fabrizi”) si chiama Dacica. «Conosco un loro attaccante che è molto bravo e poi so che hanno una buona squadra – dice Marconi -. Hanno iniziato bene il campionato, ma nelle ultime partite sono un po’ in calo, risultati alla mano. Noi, però, non ci fidiamo e dobbiamo guardare solo in casa nostra. L’obiettivo è quello di arrivare alla sosta vincendo entrambi le gare che rimangono da giocare anche perché, con le liste aperte, possono cambiare gli equilibri nelle zone di vertice della classifica. L’Atletico Morena, però, vuole fortemente il salto di categoria e ci stiamo allenando duramente per centrarlo».

Una novità “extracampo” è nata nelle ultime ore: pare che alcuni ragazzi vogliano creare un gruppo organizzato per sostenere la squadra. «E’ una cosa che ci responsabilizza – dice Marconi – e che fa piacere soprattutto per il quartiere. Tutto il nostro gruppo è molto legato a Morena e ci teniamo a tenere alto questo nome nel nostro campionato».

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ