Roma 14 novembre 2019
18 settembre 2019

Taste of Roma 2019 pensa anche ai bambini con giochi creativi di avvicinamento al cibo

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Taste of Roma 2019 pensa anche ai bambini con giochi creativi di avvicinamento al cibo
MUNICIPI E QUARTIERI
ARGOMENTI
- Eventi

Taste of Roma, dal 19 al 22 settembre 2019, apre le porte della sua ottava edizione presso l’Auditorium Parco della Musica.

Giorni intensi di degustazione e di attività daranno l’opportunità di vivere emozionanti esperienze enogastronomiche e di avvicinamento al mondo del “cibo”.

A seconda delle singole necessità di coinvolgimento, ci saranno momenti di condivisione studiati ad hoc per amici, famiglia, partner, colleghi, ma anche per i bambini. Ed è proprio per i più piccini che BEIT Events ha organizzato una serie di iniziative per avvicinarli al piacere della cucina e alla conoscenza degli ingredienti e degli alimenti. Le attività Kids@Taste, realizzate in partnership con Solaya Communication, saranno dei momenti ludici studiati per incuriosire i più piccoli, cercando di coinvolgerli in momenti di divertimento in cui possano capire l’importanza e il rispetto per il cibo.

Curiosi di sapere quali saranno le iniziative Kids@Taste? Eccone un piccolo assaggio:

BABY CHEF – CORSO DI CUCINA IN INGLESE. Rivolto ai bambini dai 5 ai 10 anni, questo corso è curato da “Mamme and the city” e vuole essere un modo divertente per approcciarsi al mondo della cucina, con l’occasione di imparare e ripassare la lingua inglese.

FAME DI SAPERE. A cura della Associazione OFFICINEFEASYCA, questo laboratorio è una divertente attività che coinvolge sia genitori che bambini in 4/5 squadre. Attraverso un quizzone a premi, fatto da stravaganti esperimenti open air, foto o spezzoni di video, si spiega, con un costante coinvolgimento ludico del pubblico, tutto quello che c’è di fisica, chimica e matematica nella cucina dei grandi cuochi e in quella di casa nostra.

ECO PITTURA. In questa postazione, i bambini potranno sperimentare la magia delle colorazioni naturali, che estrarranno da fonti vegetali, e si cimenteranno a tagliare, schiacciare, pestare e macerare gli ingredienti (foglie di spinaci, barbabietola, frutti rossi, cipolla, zafferano, altre spezie e vegetali) da cui otterranno la loro tinta naturale sotto forma di un colore acquarello. Alla fine potranno sperimentare le tinte dipingendo la propria opera.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ