Roma 21 novembre 2018
14 novembre 2017

Skakespeare Lab: "RICICLAGGIO DI UMANO SPORCO" E "LA CENA DEI MANCINI" VINCONO IL PREMIO DI GIURIA E PUBBLICO

Tutti i progetti presentati dai 27 giovani di Skakespeare Lab saranno in scena nella prossima stagione
Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

Shakespeare Lab - il progetto di formazione e sostegno alla produzione ideato da Davide Sacco e Ilaria Ceci con il contributo SIAE - si è chiuso nella notte del 13 novembre all’Off Off Theatre di Roma con la doppia vittoria di RICICLAGGIO DI UMANO SPORCO, dedicato ai cattivissimi del Bardo. Un testo di Maurizio Capuano con la regia di Valentina Mignogna. Nel cast, Roberto Castello, Dalila Cozzolino, Daniela Duchi e Alessandro Giova. A loro va il voto della Giuria di settore consegnato dalla scrittrice Cinzia Tani, un premio di 1.000 euro per l’allestimento e l’opportunità di debuttare in residenza presso il Festival Internazionale Quartieri dell’Arte 2018. Lo stesso gruppo si è aggiudicato il voto della Giuria stampa (Valentina Venturi del Messaggero, Flavia Martino di Gufetto Mag e Cristian Pandolfino di laPlatea.it): l’abbonamento alla stagione dell’Off Off Theatre di Roma per tutti i membri del gruppo.

Il voto del pubblico ha premiato invece LA CENA DEI MANCINI di Manuela Barrocci, ispirato all’Amleto e diretto da Riccardo Parravicini, con Francesco Chiliberti, Erica Lauro, Giordana Morandini, Alessio Rizzitiello. Lo spettacolo debutterà in un teatro romano il prossimo anno, con un premio di produzione di 500 euro.
Elisabetta De Vito e Ciro Scalera di Cantiere Teatrale hanno annunciato che la Sala Teatro Remo Remotti ospiterà nella prossima stagione tutti e 4 gli spettacoli presentati in show case durante la serata.

RICICLAGGIO DI UMANO SPORCO di Maurizio Capuano. Regia Valentina Mignogna. Con Roberto Castello, Dalila Cozzolino, Daniela Duchi, Alessandro Giova. Come si rapportano quattro personaggi cattivissimi rinchiusi dentro la stessa stanza? La domanda è semplice. Ma metti che i cattivi li abbia scritti Shakespeare. E metti che la stanza nasconda delle speciali sorprese...

LA CENA DEI MANCINI di Manuela Barocci. Regia Riccardo Parravicini. Con Francesco Chiliberti, Erica Lauro, Giordana Morandini, Alessio Rizzitiello. Alcuni personaggi della tragedia di Amleto si incontrano nell’aldilà e, intorno a un tavolo apparecchiato, discutono delle azioni compiute in vita tra mille dubbi e rimorsi.

FAMIGLIA di Alberto Fumagalli. Regia Luca Trezza. Con Matteo Francesconi, Francesca Muoio e Valerio Rosati. Uno studio su Amleto, inserito in un contesto rustico/materiale. Siamo all’interno di una famiglia: Padre, Madre e Figlio sono a tavola, la zuppa che scotta è nel mezzo Ed ecco apparire/riapparire i dissapori, i ricordi, i fantasmi e le voglie dei personaggi. La zuppa diventa così il riflesso di un nucleo familiare insano, che bolle, ustiona, e si raffredda all’improvviso.

IL RE SI ALZA di Federica Terribile. Regia Alessandro Di Murro. Con Domenico Bisazza, Rosa Didonna, Silvia Ferraro, Elisa Franchi, Michele Nardi. “Non c’è niente né di buono né di cattivo che non sia il pensiero a renderlo tale”. La Sete è il punto di partenza di questa ricerca. Potere, Approvazione, Conoscenza, Giustizia, Amore. Cinque persone si trovano a condividere uno spazio molto limitato. Il labile confine tra la legge della sopravvivenza e la collaborazione, tra il pensiero e l’azione, tra il bene e il male, è minato dalla sete che domina ognuno di loro.

www.tradizioneteatro.com

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ