Roma 26 aprile 2019
18 giugno 2018

SABRINA FERILLI PRESENTA "IO E ROMA" ALLA GALLERIA ALBERTO SORDI

Martedì 19 giugno alle 19.00
Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
SABRINA FERILLI PRESENTA "IO E ROMA" ALLA GALLERIA ALBERTO SORDI
MUNICIPI E QUARTIERI
ARGOMENTI

E se Italo Calvino ci ha insegnato che “le città, come i sogni, sono costruite di
desideri e paure”, Sabrina ci regala il racconto dei suoi desideri e delle sue paure. Ma soprattutto apre le porte di quello strano sogno che è vivere in un luogo come Roma. Molto più che una città: un’appartenenza.
Alessandra Mammì

Martedì 19 giugno alle 19.00 si terrà la prima presentazione di Io e Roma, il libro intervista di Sabrina Ferilli con Alessandra Mammì, che dialogheranno insieme presso la Galleria Alberto Sordi di Roma. L’evento è organizzato da Contrasto insiema alla libreria Feltrinelli.

In questo che è il primo volume della nuova collana di Contrasto che racconterà le città italiane attraverso gli occhi di cittadini speciali, per la prima volta l’attrice romana parla della sua vita, sia pure in una forma autobiografica originale e anticonvenzionale e in modo del tutto coerente con la sua personalità, parte dalla sua città, Roma, di cui è diventata un’icona (basti pensare al suo ruolo in La grande bellezza, in cui incarna la vitalità agonizzante della Città Eterna).

Io e Roma è pensato come una lunga passeggiata rievocativa che intreccia la storia personale e pubblica dell’attrice con le strade e la storia di Roma attraverso l’osservazione e il commento delle fotografie di grandi artisti del passato e del presente, che hanno immortalato negli anni la città: da Henri Cartier-Bresson a Herbert List, da Gianni Berengo Gardin a William Klein, da Bruno Barbey a Elliott Erwitt e Martin Parr, solo per citarne alcuni.

Dialogando con Alessandra Mammì, Sabrina Ferilli parlerà della Roma di ieri e di oggi, del senso di appartenenza di chi la abita, delle bellezze e delle contraddizioni di una città che ama in tutti i suoi aspetti.

Roma mi ha insegnato a difendere il mio tempo. Non sono mai andata da un punto all’altro ma ho goduto ogni istante dell’intero tragitto: la strada nel mezzo. Ancora oggi cammino tanto, come tutti i romani, ai quali non è affatto vero che piace andare in macchina. Questa è una città dove si sta per strada anche se piove, una città di cui non ti liberi e che io ho sempre portato in scena con me.
Sabrina Ferilli

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ