Roma 13 dicembre 2019
30 marzo 2017

Piccoli musei crescono: festa di compleanno al preistorico di Casal de’ Pazzi

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Piccoli musei crescono: festa di compleanno al preistorico di Casal de' Pazzi
MUNICIPI E QUARTIERI

A Roma, nella periferia nordest, c’è un piccolo museo che racconta Roma prima di Roma: è il museo preistorico di Casal de’ Pazzi, inserito nel circuito dei Musei Civici capitolini.
Oggi, giovedì 30 marzo compie due anni e li festeggia con bambini e adulti, aficionados e curiosi. Dalle 9 alle 20 circa si susseguono mostre di lavori degli studenti che hanno “adottato” il museo, visite guidate alla struttura e alla riserva naturale Valle dell’Aniene, conferenze, dibattiti, laboratori per ragazzi e sorpresa finale (vedi la locandina con il programma).

Il museo, con i suoi reperti e l’ampio uso di tecnologie virtuali per ricostruire l’ambiente preistorico (come l’ "acqua" che riempie nuovamente l’alveo dell’antico fiume scomparso), sorge sopra un insediamento pleistocenico (circa 200mila anni fa) scavato negli anni ’80. Vi sono custoditi i più significativi tra i circa 4.000 pezzi trovati sul posto da allora: manufatti, piante fossili, i resti dell’Elephas antiquus. Nel giardino circostante, le piante del Pleistocene: quelle che ancora crescono dalle nostre parti e la Zelkova Crenata, oggi scomparsa dall’Italia e insediata nel Caucaso.

Museo con forte vocazione didattica, pensato per gli studenti ma stimolante per chiunque, caratterizzato dall’esser la sistemazione in loco di un giacimento preistorico, unico luogo a Roma dove si possa gettare uno sguardo sul territorio romano così com’era nella notte dei tempi: Casal de’ Pazzi ha tutti i numeri per richiamare pubblico e infatti in due anni quasi ventimila visitatori ne hanno varcato la soglia.

Vai al sito del museo.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ
VOSTRE NEWS DAL MUNICIPIO