Roma 16 dicembre 2019
15 novembre 2019

La coniglietta oversize divide Roma: la pubblicità di un negozio per taglie forti accende la polemica

Mattia (Pd): “Campagna di pessimo gusto”. Ma il titolare dell’attività replica: “Molte donne sanno vivere la propria ‘taglia forte’ senza sentirsi meno belle. Non bisogna essere perfetti e piegarsi ai canoni prestabiliti”
Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
La coniglietta oversize divide Roma: la pubblicità di un negozio per taglie forti accende la polemica
ARGOMENTI

Di certo c’è che l’ultima campagna pubblicitaria apparsa sui cartelloni di Roma è destinata a far parlare di sé. “T’abbacchi a Natale? Taglie forti, prezzi slim”, recita il claim, proprio accanto all’immagine di una donna oversize vestita con un body rosa e orecchie da coniglietta. Il messaggio promozionale arriva da Pitran Donna, storico negozio di abbigliamento per taglie extra-large della Capitale, che ha deciso di puntare su un’immagine diretta e su un’espressione che strizza l’occhio alla parlata locale, con il termine “abbacchiarsi” utilizzato nella sua doppia accezione: intristirsi o prendere qualche chilo, proprio durante le feste.

Un approccio, però, che a qualcuno è sembrato eccessivo e che non ha mancato di sollevare polemiche. Come quella di Eleonora Mattia del Pd, presidente della Commissione pari opportunità della Regione Lazio, che ha definito la campagna “meschina e inopportuna” e ha invitato la sindaca Raggi a far coprire i manifesti. “Ancora una volta – ha spiegato la consigliera - il corpo della donna viene esibito in modo improprio, in questo caso addirittura per dileggio, per fini di mera promozione commerciale”.

Insomma, secondo i detrattori della campagna, si tratterebbe di un messaggio poco opportuno soprattutto per il modo in cui viene utilizzato il corpo femminile. Ma Fabrizio Piperno, titolare del negozio di abbigliamento, è di tutt’altro avviso e difende lo slogan: “Volevamo una campagna fuori dal convenzionale - spiega - che mostrasse l’autoironia con cui moltissime donne sanno vivere la propria ’taglia forte’ senza sentirsi per questo meno belle o meno attraenti. In passato abbiamo realizzato immagini promozionali con modelle di taglia 46 o 48 e molte signore si sono lamentate perché quelle donne erano troppo magre e non le rappresentavano”. Secondo Piperno, dunque, il messaggio andrebbe proprio nella direzione opposta rispetto alle critiche: “La vita va presa con spirito - aggiunge - nella consapevolezza che la bellezza è interiore e soggettiva e che si può star bene con se stessi anche con qualche chilo in più, senza farne un dramma”.

Anche l’ideatore, Alexander Sintini, chiarisce obiettivi e intenti della campagna: “Volevamo provocare una discussione per portare le persone a interrogarsi sulla perentorietà con cui oggi si giudica qualunque cosa, da un’immagine pubblicitaria a una persona. Avremmo potuto scegliere una modella curvy, ma non avremmo ottenuto lo stesso effetto. Se si osserva la foto dei manifesti con attenzione, infatti, ci si accorge che la donna ritratta, vestita da coniglietta, è confidente con se stessa, è a proprio agio e ha un particolare appeal. Durante le feste natalizie tutti, uomini e donne, prenderemo qualche chilo, tutti ci ‘abbacchieremo’ un po’, ma bisognerebbe riderci sopra, proprio come la nostra comunicazione suggerisce”.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ