Roma 11 dicembre 2019
10 novembre 2019

IL COLIBRÌ di Sandro Veronesi - Presentazioni al MACRO ASILO e a LA FELTRINELLI GALLERIA ALBERTO SORDI

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
IL COLIBRÌ di Sandro Veronesi - Presentazioni al MACRO ASILO e a LA FELTRINELLI GALLERIA ALBERTO SORDI
MUNICIPI E QUARTIERI
ARGOMENTI

IL COLIBRÌ
il nuovo romanzo di Sandro Veronesi

sarà presentato a Roma in due occasioni

Domenica 10 NOVEMBRE ore 11.00
MACRO ASILO via Nizza, 138

a cura di Maria Ida Gaeta

Interviene l’autore con Edoardo Albinati
letture di Fabrizio Gifuni

Mercoledì 13 NOVEMBRE ore 18.30
LA FELTRINELLI Galleria Alberto Sordi

Interviene l’autore con Sergio Rubini e Teresa Ciabatti

“Il colibrì andrebbe lanciato nello spazio per far sapere agli extraterrestri come eravamo, come siamo stati, come avremmo voluto essere.
Da questo romanzo, pieno di coincidenze e collisioni fatali e maligne,
si esce imparando la lezione più difficile, quella di morire restando vivi.”
Antonio D’Orrico, Il Corriere della sera

"Arriva un nuovo romanzo e riesce nel miracolo di contenere l’umanità, anzi di traboccare di umanità."
Annalena Benini, Il Foglio

“Il colibrì è il romanzo più ispirato scritto da uno dei nostri più ispirati scrittori.”
Alessandro Piperno, Il Corriere della Sera

"Il Colibrì racconta tutto il dolore che può contenere un’esistenza. Lo racconta, e ce ne libera.
Un capolavoro."
Teresa Ciabatti

"Uno dei romanzi più belli degli ultimi dieci anni"
Vincenzo Mollica

"Di questo libro si dirà che è un capolavoro"
Marco Missiroli

"Nessun narratore in Italia, oggi, sa raccontare come Sandro Veronesi le più minuscole e accidentate asperità della vita, tra ambizione e frustrazione, sogno e paura, memorie e inganni."
Sergio Pent, TuttoLibri, La Stampa

“Una grandissima storia, un grande romanzo.”
Concita De Gregorio, Radio Capital

Il colibrì è tra gli uccelli più piccoli al mondo; ha la capacità di rimanere immobile, a mezz’aria, grazie a un rapidissimo movimento alare (fino a 80 battiti al secondo). La sua apparente immobilità è frutto dunque di un lavoro vorticoso. che gli consente, oltre alla stasi assoluta anche di volare all’indietro

Marco Carrera, il protagonista del nuovo romanzo di Sandro Veronesi, è il colibrì. La sua è una vita di continue sospensioni ma anche di coincidenze fatali, di perdite atroci e amori assoluti.
Non precipita mai fino in fondo: il suo è un movimento incessante per rimanere fermo, saldo, e quando questo non è possibile, per trovare il punto d’arresto della caduta – perchè sopravvivere non significhi vivere di meno.
Intorno a Marco Carrera, Veronesi costruisce una galleria di personaggi indimenticabili che abitano in un’architettura romanzesca perfetta: un mondo intero, in un tempo liquido che si estende dai primi anni ‘70 fino a un cupo futuro prossimo, quando all’improvviso splenderà il frutto della sua resilienza: è una bambina, si chiama Miraijin e sarà l’Uomo Nuovo.
Un romanzo potentissimo che incanta e commuove sulla forza struggente della vita.

SANDRO VERONESI
È nato a Firenze nel 1959. È laureato in architettura. Ha pubblicato: Per dove parte questo treno allegro (1988), Live (1996, nuova edizione La nave di Teseo 2016), Gli sfiorati (1990), Occhio per occhio. La pena di morte in quattro storie (1992), Venite venite B–52 (1995, nuova edizione La nave di Teseo 2016), La forza del passato (2000 – Premio Viareggio e Premio Campiello), Ring City (2001), Superalbo (2002), No Man’s Land (2003, nuova edizione La nave di Teseo 2016), Brucia Troia (2007, nuova edizione La nave di Teseo 2016), XY (2010 - Premio Superflaiano), Baci scagliati altrove (2012), Viaggi e viaggetti (2013), Terre rare (2014 - Premio Bagutta), Non dirlo. Il Vangelo di Marco (2015) e Un dio ti guarda (La nave di Teseo, 2016). Pubblicato nel 2005 e vincitore nel 2006 del Premio Strega e nel 2008 del Prix Fémina e del Prix Méditerranée, Caos calmo (nuova edizione La nave di Teseo 2016), Cani d’estate (La nave di Teseo 2018) è stato tradotto in 20 paesi. Sandro Veronesi ha collaborato con numerosi quotidiani e quasi tutte le riviste letterarie. Attualmente collabora con il “Corriere della Sera”. Ha cinque figli e vive a Roma.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ