Roma 26 giugno 2019
14 giugno 2019

“È tempo di vita”: parte da Roma il tour in giro per l’Italia che dà voce alle donne con tumore al seno avanzato

Sabato 15 giugno alle ore 15.00, presso l’Aula Scuola Infermieri dell’Ospedale S. Pietro Fatebenefratelli di Roma, in Via Cassia 600, si inaugura il tour della campagna promossa da Novartis “È tempo di vita”
Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

L’incontro, realizzato con il patrocinio di Salute Donna Onlus, A.N.D.O.S Onlus Nazionale (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno) e S.I.P.O. (Società Italiana di Psiconcologia), vedrà protagonisti i medici dell’Unità Operativa Complessa di Oncologia del S. Pietro Fatebenefratelli, i rappresentanti delle Associazioni Pazienti locali e le pazienti. Sarà un’occasione per informarsi, confrontarsi e condividere bisogni e richieste.

Quest’anno sarà possibile seguire le tappe anche online grazie alla pagina Facebook dedicata e all’attivazione di dirette in live streaming con le interviste agli esperti coinvolti.

Promuovere una maggiore conoscenza della patologia e dei benefici derivanti dai nuovi approcci terapeutici, offrire un’occasione di condivisione e confronto, dare voce alle storie e alle richieste delle pazienti con tumore al seno avanzato: questi gli obiettivi del primo incontro del tour 2019 della campagna “È tempo di vita” che fa tappa a Roma sabato 15 giugno.

L’incontro, realizzato con il patrocinio delle Associazioni Salute Donna Onlus, A.N.D.O.S Onlus Nazionale e S.I.P.O. si svolgerà alle ore 15:00 presso l’Aula Scuola Infermieri dell’Ospedale S. Pietro Fatebenefratelli e vedrà impegnati i medici dell’Unità Operativa Complessa di Oncologia, e coinvolgerà anche i rappresentanti delle Associazioni Pazienti operanti nel territorio romano, “I ragazzi di Ulmann”,“Stare accanto: amici dell’oncologia medica” e “L’albero delle molte vite”, nonché le pazienti.

Oggi, in Italia, 1 donna su 8 si ammala di tumore al seno nel corso della sua vita. Tra le patologie oncologiche è la più diffusa nel il genere femminile, con circa 52.000 nuovi casi ogni anno, e con un trend di incidenza in leggera ascesa (+0,3%). Di questi casi il 30% è destinato a progredire e a evolversi in tumore avanzato che, rispetto al tumore al seno in fase precoce, pone alle donne nuove sfide: imparare a convivere con la patologia e con le sue conseguenze fisiche e psicologiche, sottoporle a ulteriori opzioni di trattamento, stabilire i nuovi obiettivi delle cure che, in questa fase, puntano a rallentare l’avanzamento della malattia, alleviarne i sintomi e mantenere una dignitosa qualità di vita.

“La partecipazione alla campagna “È tempo di vita” testimonia la grande attenzione per la relazione, elemento imprescindibile del rapporto con i pazienti che si rivolgono al nostro Centro, struttura molto attiva nella quale ogni anno seguiamo circa 600 donne affette da carcinoma mammario, 200 delle quali con malattia avanzata” afferma Antonio Astone, Responsabile U.O.C. Oncologia Ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma. Il ruolo dell’oncologo non è solo curare la malattia, ma prendersi cura della persona, utilizzando una buona comunicazione e una corretta informazione, mirando ad utilizzare trattamenti efficaci ma che permettano alla persona di vivere pienamente e intensamente il suo tempo. In particolare, per il trattamento del tumore al seno avanzato HR+/HER2 (positivo per i recettori ormonali e negativo per il recettore HER2) recentemente abbiamo acquisito una nuova classe di farmaci, gli inibitori delle chinasi ciclina-dipendenti (CDK) 4/6. Questi farmaci, impiegati in associazione alla terapia ormonale standard, hanno consentito di ottenere, sia in pre- che in post-menopausa, risultati superiori a quelli storicamente raggiunti anche con la chemioterapia antineoplastica, prolungando in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione, senza effetti collaterali che compromettano la qualità di vita. La maggiore attenzione al rispetto dell’integrità della persona è fondamentale - prosegue il Prof. Astone – così come comprendere quanto sia importante il valore del tempo che non deve essere dedicato esclusivamente a subire un trattamento ma piuttosto a dare valore a sé stessi, ai propri cari, ai propri desideri valorizzando, nella malattia, ciò che davvero è importante per dare un senso alla vita.”

La campagna, promossa da Novartis in collaborazione con Salute Donna Onlus, A.N.D.O.S. Onlus Nazionale e S.I.P.O. è connotata da una evidente dimensione di servizio: dare voce alle donne e ai familiari che credono nella condivisione delle esperienze, delle richieste e dei bisogni, facilitando le occasioni di incontro e di discussione alla presenza di clinici ed esperti. Infatti, grande rilievo avrà il tour a tappe condotto nei principali centri italiani per approfondire contenuti scientifici legati alla patologia, trattandoli con un linguaggio più accessibile, e per condividere pensieri e riflessioni su quattro ambiti fondamentali della vita di una persona: amore, amicizia, famiglia e lavoro.

Nell’ottica di fornire un servizio e un supporto concreto alle pazienti affette da tumore al seno avanzato, gli incontri del tour propongono una panoramica sulla patologia, un inquadramento sui più recenti sviluppi della ricerca oncologia e i benefici da essi derivati insieme a testimonianze di pazienti e Associazioni pazienti. Un team di esperti sarà a disposizione della platea per rispondere a eventuali dubbi e domande.

Novartis nel tumore al seno avanzato
L’approccio di Novartis al trattamento del tumore della mammella si basa sulla scienza, sulla collaborazione e sulla passione, con l’obiettivo di migliorare la cura delle pazienti. La nostra ricerca è caratterizzata da un approccio coraggioso perché include popolazioni di pazienti spesso ignorate negli studi clinici, identificando nuove vie o mutazioni che possono giocare un ruolo nella progressione della malattia e sviluppando terapie che non solo mantengono, ma migliorano anche la qualità di vita dei pazienti. La nostra priorità negli ultimi 30 anni, e ancora oggi, è produrre trattamenti che dimostrino di migliorare ed estendere la vita delle persone che ricevono la diagnosi di tumore avanzato della mammella.

Novartis
Novartis sta interpretando in modo nuovo la medicina allo scopo di migliorare e prolungare la vita delle persone. Come azienda tra i leader a livello globale nel settore farmaceutico, utilizziamo tecnologie scientifiche e digitali innovative per creare terapie trasformative in aree che presentano importanti bisogni medici. Impegnati a scoprire nuovi farmaci, siamo stabilmente tra le prime aziende al mondo negli investimenti in ricerca e sviluppo. I prodotti Novartis raggiungono più di 800 milioni di persone su scala globale e lavoriamo per individuare modi innovativi per espandere l’accesso ai nostri trattamenti più recenti. A livello mondiale, circa 130.000 persone di 145 diverse nazionalità lavorano in Novartis.
Ulteriori informazioni su www.novartis.it e www.novartis.com.
@NovartisItalia è anche su Twitter e LinkedIn.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ