Roma 16 luglio 2019
23 dicembre 2016

CONCERTO DI SANTO STEFANO: Basilica Romana di Santa Maria in Ara Coeli da vent’anni l’appuntamento di Roma per la pace e contro gli integralismi

Concerto di Santo Stefano 26 dicembre ore 11.00
Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
CONCERTO DI SANTO STEFANO: Basilica Romana di Santa Maria in Ara Coeli da vent'anni l'appuntamento di Roma per la pace e contro gli integralismi
MUNICIPI E QUARTIERI
ARGOMENTI

Luigi Cinque Hypertext O’rchestra

con la partecipazione straordinaria di Domenico Quirico

Il concerto di Santo Stefano

Aleppo 51

Basilica di Santa Maria in Ara Coeli . 26 dicembre 2016 . ore 11.00. Roma

Il 26 Dicembre nella splendida Basilica Romana di Santa Maria in Ara Coeli alle ore 11.00 va in scena la XX edizione del Concerto di Santo Stefano. Diretto da Luigi Cinque, esso è diventato negli anni un appuntamento di rito per i romani e i turisti stranieri che, sempre di più, ogni anno affollano la Chiesa sin dal primissimo mattino.
Quest’anno la Hypertext O’rchestra di Luigi Cinque vedrà la partecipazione di importanti solisti d’oriente e occidente confrontarsi e creare in tempo reale un appuntamento musicale straordinario. Oltre ai collaboratori abituali come Petra Magoni, Alex Balanescu, Fausto Mesolella ( Avion Travel ), l’Hypertext O’rchestra presenterà il più importante giovane suonatore iraniano di santur ( strumento a corde persiano ), Alireza Mortazavi, e voci e strumentisti indimenticabili dal Caucaso come Urna Chaktar Tugki e il PentElios Quintet. Ci sarà Antonio Infantino e un ensemble di Cupa Cupa (tradizionale strumento a percussione lucano). Concluderà il concerto un evento installazione nella Chiesa con una invasione di zampogne mediterranee e medioorientali che trasformeranno la Chiesa - com’era anticamente- in una Piazza Sacra.

Un concerto di forte intrattenimento e di grande significato sociale. Con la particolare testimonianza di Domenico Quirico: scrittore, e forse il più importante cronista europeo dalle guerre del Medio Oriente. Una voce e un reportage straordinario per un evento e un racconto e un concerto da non perdere.
A conclusione del concerto al pubblico sarà offerta una improvvisa installazione di zampogne, bagpipe, cornamuse, gaide, con la voce di Nando Citarella per un progetto Natalizio: una suite in cui le liturgie popolari e le straordinarie melodie mediterranee s’intrecceranno in un continuum di arcaico e contemporaneo al fine di far respirare la Basilica, idealmente e ritualmente, alla maniera delle antiche Cantate Sacre Popolari e Colte, quando lo spazio della Chiesa era il volto sacro della Piazza.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ