Roma 11 dicembre 2017
19 aprile 2017

Asd Borussia calcio: Giovanissimi provinciali a testa alta al torneo pasquale di Jesolo

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Asd Borussia calcio: Giovanissimi provinciali a testa alta al torneo pasquale di Jesolo
ARGOMENTI
- Sport

Roma – Da venerdì scorso fino a Pasquetta. Sono stati giorni particolari per i Giovanissimi provinciali del Borussia, quarti classificati nel loro campionato: i ragazzi guidati da mister Maurizio Polletta hanno partecipato ad un torneo organizzato a Jesolo (comune della città metropolitana di Venezia) e giocato proprio durante le festività pasquali.

Dal punto di vista tecnico il gruppo dei 2002 (formato da alcuni elementi di entrambe le squadre di quella fascia d’età che è riuscito ad allestire il Borussia in questa stagione, oltre anche ad alcuni elementi del 2003) ha dovuto battagliare contro formazioni di categoria regionale, ma alla fine è tornato a casa a testa alta come spiega il dirigente Fabrizio Fiorenza, presente alla manifestazione al pari dell’altro dirigente Antonio Ancora. «La cosa più bella che ci rimane di questa fantastica esperienza – racconta – è il messaggio di un giocatore votato come migliore della manifestazione e arrivato al secondo posto finale con la sua squadra: ha scritto ai nostri ragazzi che sono una squadra dal cuore d’oro e che è stato un piacere ed un onore averli incontrati sul campo e fuori, considerato che eravamo nello stesso loro albergo».

D’altronde la parte squisitamente tecnica è sempre stato un aspetto importante, ma non certo “maniacale” nella linea societaria del Borussia. «Siamo molto contenti dei complimenti ricevuti per il modo di comportarsi dei nostri ragazzi – prosegue Fiorenza – Di questo va assolutamente dato atto ai genitori che hanno dato un’educazione esemplare ai loro figli. Per quanto riguarda i risultati, abbiamo rimediato due sconfitte e un pareggio contro il Burano disputando anche un’ulteriore gara amichevole contro una formazione 2001 a fine torneo, ma in campo si è vista comunque una grande compattezza di gruppo e tanta voglia di aiutarsi nonostante i nostri atleti provenissero di fatto da tre fasce d’età differenti. Siamo tornati a Roma arricchiti da questa bella esperienza e pronti per concludere al meglio la stagione con altri tornei».

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ