Roma 19 ottobre 2019
14 giugno 2017

Ariana Grande, la popstar live a Roma

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI
Ariana Grande, la popstar live a Roma
MUNICIPI E QUARTIERI

Roma e Torino, le uniche due tappe del tour europeo di Ariana Grande. Dopo la sospensione dei concerti in seguito all’attentato del 23 maggio durante il live alla Manchester Arena e la cancellazione di alcune date la cantante americana, ma di chiare origini italiane, è tornata a fare quello che meglio le riesce e più le piace. Così Dangerous Woman Tour è ripartito: prima Parigi, il 7 giugno, poi Lione, Lisbona, oggi Barcellona e quindi finalmente l’Italia con i live di Roma, 15 giugno, e Torino, 17 giugno.

Ma prima ancora la giovane star mondiale era tornata a Manchester, precisamente all’Old Trafford, per un maxi evento di beneficenza dal titolo One Love Manchester insieme a tantissime celebrità della musica: Coldplay, Justin Bieber, Katy Perry, One Direction e Take That e Robbie Williams. L’incasso è stato poi devoluto al fondo We Love Manchester a sostegno delle vittime dell’attentato.

La musica è unione, condivisione ed è da questo che Ariana vuole ripartire. «La musica è qualcosa che tutti sulla Terra possono condividere. La musica è fatta per guarirci, farci stare insieme, renderci felici. Quindi questo è quello che continuerò a fare per voi».

Così Ariana Grande indosserà nuovamente le sue orecchie da coniglio, presenti anche sulla cover dell’album, e infiammerà tutti i fan che giovedì 15 giugno la attendono al Palalottomatica di Roma.

Per entrambi gli eventi verranno adottate imponenti misure di sicurezza consultabili online sui rispettivi siti, così come previsto da una recente circolare del Dipartimento di Pubblica Sicurezza che regolamenta i 1.700 grandi eventi di sport, cultura e spettacolo in programma nei mesi estivi in tutta Italia.
Tra le norme di sicurezza in vigore, controlli all’entrata con metal detector e divieto di introdurre negli impianti zaini, borse, lattine, bottiglie, ombrelli, videocamere e "tutti gli altri oggetti atti ad offendere".

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ