Roma 16 luglio 2019
22 maggio 2019

AL VIA “INSTAPEACE”, IL CONTEST CONTRO IL MURO DELL’INTOLLERANZA

IDEATO DA LORETTA ROSSI STUART, PROMOSSO DALL’ON. PATRIZIA PRESTIPINO E DALL’ASSOCIAZIONE “PATHOS”, CON IL PATROCINIO DI “MAMME PER LA PELLE”
Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

L’Associazione culturale “Pathos” di Roma organizza il concorso dal titolo “Instapeace”, ideato da Loretta Rossi Stuart e promosso dall’On. Patrizia Prestipino.

“Instapeace” è un concorso artistico aperto a tutti i cittadini italiani e stranieri, senza limite di età. Obiettivo del concorso è promuovere la tolleranza, l’integrazione e la pace tra i popoli, in ogni sua forma e rappresentazione.

La finale del concorso si terrà il giorno 18 giugno 2019 a Roma, presso i locali dell’associazione Pathos, in via del Pianeta Venere n. 73.

"Il nostro è un grido d’amore! - spiega l’ideatrice del concorso Loretta Rossi Stuart - Abbiamo voluto chiamare questo concorso "Instapeace”, fermare un istante di pace. È rivolto a tutti coloro che pensano che non esistano confini tra le persone, che non esistano una nazione, una lingua, un’etnia, una religione migliore di un’altra; che siamo tutti uguali nelle nostre diversità. "Nonostante l’imbarazzante eredità di un nonno ufficiale del regime nazista - conclude la Rossi Stuart - con la magia dell’amore attraverso il mio essere madre si invertono le rotte e ci si beffa del destino!".

"Non posso non sostenere un progetto come quello di Instapeace, ideato e voluto fortemente da Loretta Rossi Stuart - aggiunge l’On. Patrizia Prestipino - È anche attraverso iniziative come questa che si combattono l’intolleranza e gli steccati tra le nazioni, tra i popoli, tra culture e religioni diverse che oggi vengono evocati sempre di più come una soluzione per tutti i problemi. Per questo aderisco e sostengo volentieri il concorso Instapeace – conlude la Prestipino - per sensibilizzare le persone e le istituzioni a spazzare via ogni tipo di muro. Ogni popolo ha tradizioni, culture e visioni diverse, ma non possono essere considerate come un valore negativo, bensì come un valore. Ed è proprio nella bellezza delle diversità che si costruisce una società basata sull’integrazione e sulla pace”.

Dal 14 giugno, inoltre, presso i locali dell’Associazione Pathos, l’artista africano Mokodu Fall, sensibilissimo al tema, esporrà le sue opere.

L’evento è patrocinato da “Mamme per la Pelle”, un’associazione culturale impegnata in attività dirette a creare e rafforzare una rete organizzata di madri con figli che possano subire discriminazioni per le loro origini ed il loro diverso colore della pelle. Scopo dell’associazione non è solo la tutela delle famiglie vicine, ma in generale la promozione della cultura dell’integrazione.

Il concorso

Chi vorrà partecipare al concorso potrà inviare un’immagine, un racconto breve, una poesia, una canzone, un video che rappresenti come siamo tutti diversamente uguali, al di là della provenienza. Le opere vanno trasmesse via mail all’indirizzo: info.instapeace@gmail.com. Le opere selezionate dalla giuria saranno esposte durante la finale del concorso. Durante la finale saranno presenti i membri della giuria.

Il regolamento e la domanda di adesione sono scaricabili all’indirizzo:

https://www.facebook.com/associazionepathos/posts/576913129384757

Regolamento:

L’Associazione culturale “Pathos” di Roma organizza il concorso dal titolo “instapeace”, ideato da Loretta Rossi Stuart, la cui finale si terrà il giorno 18 giugno 2019 a Roma, Via del Pianeta Venere n. 73.

1. Modalità di partecipazione

Possono partecipare al concorso artisti italiani e stranieri, senza limite di età (per i minori è richiesta l’autorizzazione dei genitori). Ogni partecipante può presentare una sola opera, che deve essere inedita (mai pubblicata e mai diffusa sugli organi di stampa), non premiata, non presentata in altri concorsi.

2. Categorie di opere in gara

Le opere in concorso devono appartenere ad una delle seguenti categorie:

a) Immagini (fotografie, disegni, disegni in grafica digitale, dipinti);

b) Video;

c) Scrittura (racconti brevi, poesie);

d) Musica (brevi componimenti musicali);

3. Caratteristiche tecniche delle opere

La tecnica di esecuzione da utilizzare è completamente libera. Le opere appartenenti alla categoria a) devono essere di formato rettangolare o quadrato. L’opera può essere applicata su pannello, su telaio e comunque su ogni supporto trasportabile. Nel caso si tratti di immagine in grafica digitale (es. photoshop, blender), l’opera deve essere salvata in formato .JPG, oppure .pdf.

Le opere appartenenti alla categoria b) possono essere di ogni formato (es. .avi, .mov, .flv, .wmv), devono avere lunghezza minima di 15 secondi, una durata massima di 1 minuto e 30 secondi e devono avere una grandezza massima di 500 mb. Il video con massima risoluzione potrà essere richiesto successivamente.

Le opere appartenenti alla categoria c) possono essere di ogni formato (es. .pdf, .word) e non possono superare le due pagine di lunghezza.

Le opere appartenenti alla categoria d) possono essere di ogni formato (.mp3, .pcm, .wav), devono avere una lunghezza minima di 15 secondi ed una durata massima di 1 minuto e 30 secondi.

4. Tema del concorso

Tolleranza, integrazione e pace tra i popoli in ogni sua forma e rappresentazione.

5. Modalità e forme di invio delle opere

Per poter partecipare al concorso, l’opera deve essere inviata via e-mail all’indirizzo info.instapeace@gmail.com come allegato oppure mediante link di download attraverso servizi di upload sul web (es. wetransfer.com, sendspace.com). Le opere delle categorie che lo rendono possibile devono essere inviate in formato digitale nativo, mentre tutte le altre (es. dipinti) sono inviate per mezzo di una foto dell’opera stessa in formato .JPG oppure .pdf.

Le opere devono essere salvate dall’autore con nome del file composto nel modo seguente: “nomecognome.[formato file]” (es. mariorossi.jpg).

Ogni opera deve essere inviata in un’unica e-mail, unitamente al modulo di iscrizione qui allegato (Allegato 1) firmato e scansionato. Nella stessa e-mail deve essere indicato un recapito (e-mail o telefono) al quale l’autore vuole essere contattato per ricevere tutte le informazioni sull’esito della valutazione della propria opera e l’eventuale convocazione per la finale. La mancata ricezione del modulo di iscrizione all’indirizzo info.instapeace@gmail.com comporta l’esclusione dal concorso.

6. Scadenza

Le opere devono pervenire all’indirizzo e-mail di cui al punto 6. entro e non oltre le ore 23:59 del 09 giugno 2019 (fa fede la data indicata dall’e-mail).

7. Modalità di selezione e valutazione delle opere e dei vincitori

La giuria seleziona preliminarmente, a suo giudizio insindacabile, la migliore opera per ciascuna delle categorie di cui al punto 2., tra quelle ricevute all‘indirizzo e-mail indicato in precedenza. Le opere così selezionate dalla giuria saranno esposte durante la finale del concorso, che si terrà il giorno 18 giugno 2019 a Roma, Via del Pianeta Venere n. 73. La convocazione per la finale giungerà agli autori delle opere selezionate ai recapiti dai medesimi indicati con le modalità di cui al punto 5. entro la data del 12 giugno 2019. Durante la finale saranno presenti i membri della giuria, che redigeranno la classifica finale delle e generale in base alla valutazione data a tutte le opere finaliste che saranno esposte, previa stampa o riproduzione se necessario. In caso di dipinto, disegno e fotografia (categoria a), l’autore potrà portare con sé l’opera originale per garantire alla giuria il migliore apprezzamento dell’opera stessa. La giuria dichiarerà vincitrice del concorso una tra le opere finaliste, poiché migliore interprete dei temi posti al punto 4.

8. Premi

Saranno premiati a titolo di incoraggiamento nell’interesse della collettività l’autore e/o l’autrice dell’opera - secondo quanto dichiarato nel modulo allegato al presente regolamento - che si colloca al primo posto della classifica finale e generale elaborata dalla giuria, nonché gli autori e/o le autrici delle opere che sono selezionate preliminarmente come le migliori nelle tre restanti categorie di appartenenza di cui al punto 2.

I premi sono i seguenti:

- Vincitore della classifica finale e generale: cena per 2 persone presso ristorante multiculturale in data da concordare con il vincitore + n.1 libro sul tema dell’integrazione e del rispetto delle identità culturali;

- Vincitori nelle singole categorie: 1 libro sul tema dell’integrazione e del rispetto delle identità culturali;

- Tutti i vincitori: tessera socio ordinario + diritto alla partecipazione gratuita a tutti gli eventi dell’Associazione Pathos per l’anno 2019.

9. Giuria

La giuria di qualità è composta dai soci fondatori dell’Associazione Pathos e da personalità impegnate nel campo artistico e socio-culturale. Il Presidente della giuria è un membro delle istituzioni.

10. Diritti sull’opera

Gli autori, con la partecipazione al concorso, concedono a titolo gratuito il diritto non esclusivo di ripresa e pubblicazione delle opere all’interno delle pubblicazioni e/o dei progetti artistico-divulgativi dell’Associazione Pathos, anche su ogni social network presso i profili e le pagine dell’Associazione Pathos, nonché la riproduzione e l’utilizzo a titolo gratuito delle opere sia online (internet e tutti i social network), sia offline (es. cd, cd-rom) su qualsiasi supporto e di qualunque dimensione per i fini promozionali dell’Associazione Pathos e del concorso, senza aver nulla a pretendere e rinunciando a qualsiasi azione. L’Associazione Pathos si impegna a citare sempre il legittimo autore. I diritti sull’opera rimangono di proprietà dei rispettivi autori. Le opere in concorso potranno essere esposte materialmente o riprodotte il giorno della finale e, ove necessario per la natura dell’opera, saranno restituite agli autori presenti.

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
TRAFFICO E VIABILITÀ