Roma 23 maggio 2019
8 aprile 2008

AL IV E’ EMERGENZA PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME. COSA FARE

Comunicato stampa - editor: RSRN
CONDIVIDI

Il Servizio Fitosanitario della Regione Lazio comunica che il deperimento osservato in alcune piante di Palma, ubicate per lo più in giardini privati del IV Municipio di Roma è dovuto all’insetto parassita Punteruolo rosso.
La specie è originaria dell’Asia e si e’ diffusa in Italia con l’importazione di palme ornamentali.
Il punteruolo (foto 1 e 2) vive e si sviluppa tipicamente all’interno delle palme, i danni sono causati dalle larve che scavano gallerie e cavità nel tronco e alla base delle foglie e questo rende difficile la diagnosi precoce della sua presenza.
I sintomi più evidenti dell’attacco sono la forma irregolare della chioma, la perdita dell’apice vegetativo, il collassamento e il disseccamento delle foglie e si manifestano solo quando il punteruolo ha già colonizzato gran parte della pianta (foto 3, 4 e 5).
I proprietari di palme non devono effettuare potature verdi e devono operare il taglio delle foglie solo dopo il loro completo disseccamento, in quanto i tagli della potatura “al verde” possono attrarre l’insetto.

Le piante colpite sono un pericoloso veicolo di diffusione del parassita e devono essere immediatamente segnalate al Servizio Fitosanitario Regionale a mezzo telefax al n. 06.51686828, meglio se utilizzando la scheda di segnalazione presente sui siti sotto riportati. Successivamente le palme devono essere abbattute e smaltite con tutto il materiale di risulta, a spese del proprietario, secondo le prescrizioni dello stesso Servizio.

Chiunque sospetti o accerti la presenza del punteruolo rosso è obbligato, ai sensi del Decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del 9.11.2007 e del decreto legislativo 214/2005, a darne immediata comunicazione al Servizio Fitosanitario Regionale, per non incorrere nelle sanzioni pecuniarie previste dall’art. 54 del D.Lgs. 214/2005 e nelle conseguenze penali previste dall’art. 500 del codice penale.

E’ possibile anche effettuare interventi di profilassi per salvaguardare e proteggere le palme ancora sane o presunte tali, utilizzando gli insetticidi indicati in tabella, autorizzati in ambiente urbano dal Ministero della Salute per 120 gg. a partire dal 1° marzo 2008.

Per ulteriori chiarimenti e approfondimenti visitare i siti web:
- www.regione.lazio.it

- www.agricoltura.regione.lazio.it

O inviare un’e-mail all’indirizzo servizio.fitosanitario@regione.lazio.it

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
1
Postato il: 1 ottobre 2010 da Salvatore Piccolo - Sicilia

Sono un agricoltore siciliano e da un anno circa curo le mie palme attaccate dal punteruolo rosso. In quest’anno penso di avere intuito il modo di diagnosticare in anticipo l’attacco del punteruolo rosso analizzando visivamente i rami della palma. Intervenendo prontamente la palma può esser difesa da quell’attacco. A
lla fine di Agosto ,guardando i rami della palma ,ho capito che c’era un nuovo attacco.Guardando da vicino ho trovato di nuovo il punteruolo. Prontamente ho ripresola cura a base di insetticida.
per quanti volesserocontattarmi la mia mail -salpicci50@alice.it cell 3203844704 Salvatore Piccolo -Carlentini - SR - Sicilia.

2
Postato il: 11 giugno 2010 da Luigi

Si può fermare

è in fase sperimentale, ma ha già avuto buoni risultati un sistema denominato "Quantum Palma" che utilizza frequenze magnetiche assolutamente innoque per le persone. Lo studio ha portato alla realizzazione di un dispositivo, il Quantum Palma che, operando a livello frequenziale su un piano di energie sottili magnetiche e in fisica quantistica, è in grado di mantenere la giusta polarità magnetica della pianta, impedendo così al parassita di avvicinarla per infestarla.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente indirizzo www.freebioenergy.it

Link: 
3
Postato il: 24 novembre 2009 da sandro

1 - E’ possibile avere qualche indirizzo dove trovare i prodotti per la lotta a questo parassita?
2 - E’ possibile sapere qualche nome di prodotto buono e testato per la lotta al parassita?
3 - E’ possibile avere il costo di questi prodotti?

Inoltre ogni notizia circa dosi e trattamento da fare alle piante è utile.

Grazie Sandro

Link: 
4
Postato il: 1 novembre 2009 da DOMINICI ENRICO

STO UTILIZZANDO IL NEEMAZIL, IN QUANTITà DI 300 ML OGNI 50 LITRI DI ACQUA, IRRORANDO LA BASE DELLA PIANTA ED IL CAPPELLO. IN AGGIUNTA HO UTILIZZATO IL NEMESIS IL QUANTITA’ DI 50 MILIONI DILUITO IL 15 LITRI DI ACQUA, SULLE FERITE E SUL CAPPELLO E SULLA CORONA. IN DUE GIORNI HO RITROVATO UNA 10NA DI PUNTERUOLI MORTI E VARIE LARVE UCCISE DAI NEMATONI. E SOPRATUTTO, NON SENTO PIU’ "BANCHETTARE" ALL’INTERNO DELLA PALMA.
ENTRAMBI I PRODOTTI SONO DELLA INTRACHEM, BIOLOGICI, QUINDI NON C’E’ PROBLEMA SE AVETE ANIMALI DOMESTICI O DA GIARDINO.

Link: 
5
Postato il: 7 ottobre 2009 da dvanni

il condominio di Civitavecchia via AMontanucci 138 ha una palma ,presumibilmente,attaccata dal punteruolo rosso:. Le sue condizioni non sono al collasso ma non tarderà molto

Link: 
6
Postato il: 29 settembre 2009 da Marco

Presso il ns sito trovi l’occorrente per la lotta al PUNTERUOLO ROSSO,trattamenti ormai collaudati e prodotti autorizzati.Clicca su www.biofarm.it.

Link: 
7
Postato il: 30 aprile 2009 da bucceri

Qui a Letojanni abbiamo visto come si sia carenti nell’intervenire per proteggere le palme sane, un solo caso (almeno fino ad oggi) e la palma e’ rimasta a marcire senza nessun intervento.
Ho letto un po qua e la’ che si puo intervenire ma di fatto la Regione o le Province non sono in grado di intervenire per mancanza di fondi e visto che tutti dicono la propria vorrei anchio sparare la mia.
Perche’ alla scoperta della palma ammalata non incappucciarla come un preservativo in uso, basterebbero pochi euro e un tubolare di rete
fina al punto di non permettere alle larve di emigrare e alla loro comparsa (nel tubolare) intervenire se si vuole con normali insetticiti, lasciare la pianta in quelle condizioni il tempo necessario per far morire il punteruolo e poi abbatterla .

Link: 
8
Postato il: 19 marzo 2009 da adriano

Sinora si legge da più parti che è praticamente impossibile contrastare l’avanzamento implacabile del punteruolo rosso, ed è quasi impossibile eseguire trattamenti fitosanitari efficaci in ambienti urbani e anche quando questi vengono usati, non si ottiene un risultato efficace e al momento pare non si trovano altre soluzioni valide.
Noi proponiamo un nuovo e già collaudato sistema per debellare totalmente il Punteruolo rosso delle palme, il nostro obiettivo è di distruggere il maggior numero possibile di questi insetti nocivi, cercando per prima cosa di rispettare l’ambiente.
Con l’impiego della macchina a microonde ECOPALM ring, la quale non fa uso di prodotti chimici inquinanti , nocivi alla salute e all’ambiente, ma utilizza energia ad altissima frequenza che penetra nella palma infestata dal coleottero e va ad interagire a livello molecolare maggiormente con questi insetti in qualunque stadio essi siano (uova, larve, pupe e adulti) distruggendoli istantaneamente per ipertermia, lasciando inalterato l’apparato vegetale della palma.
ECOPALM ring è: veloce, pulito, sicuro, non inquina e non lascia residui di alcun genere è una macchina che va installata su un qualunque braccio gru, e va ad abbracciare il capitello infestato debellando tutti gli insetti nocivi in circa 30 minuti.
Per ulteriori informazioni: www.ecopalm.it

Link: 
9
Postato il: 19 gennaio 2009 da RAPH61

UTILIZZATE NAFTALINA COME REPELLENTE MI SEMBRA CHE "FUNZIONI"
SPERIAMO BENE

Link: 
10
Postato il: 18 dicembre 2008 da Francesco

Vivo a Palermo e vedo, come del resto in tutta Italia, sparire giorno dopo giorno palme secolari e nessun rimedio sembra essere in grado di risolvere la situazione. Sto scrivendo a vari Enti proponendo una mia idea che fra l’altro è stata pubblicata al seguente link
http://palermo.blogolandia.it/2008/12/11/punteruolo-rosso-le-palme-continuano-a-morire/
e che ad ogni modo espongo sperando possa trovare riscontro efficace per la lotta al coleottero.

“La mia è solo un’idea che scaturisce dal fatto che ancora ad oggi non si è trovato un vero e proprio rimedio efficace per la lotta al coleottero. Il problema credo venga un po’ sottovalutato da chi dovrebbe arginarne il fenomeno e non si pensa che probabilmente, quando spariranno le palme, potrebbero essere aggredite altre specie arboree. Io non so se la mia idea possa essere più o meno valida, ma in ogni caso provare non costerebbe nulla. In ogni caso non è una soluzione definitiva ma contenitiva perché limiterebbe la diffusione dell’insetto quando si trova nella fase larvale e funzionerebbe solo per le palme già colpite. I metodi utilizzati fin’ora, quando la palma viene colpita, prevedono il taglio dei rami e l’inserimento in cima di una sonda con la quale viene immessa una sostanza nociva per le larve e che ha bisogno di tempo per potere agire. Il sistema che penserei di adottare è rapido e non utilizza prodotti chimici, si basa solo sull’inserimento di due elettrodi nella parte apicale della palma, dove c’è presenza maggiore di linfa, che come la maggior parte di liquidi è conduttrice, (in caso contrario si potrebbe immettere dell’acqua a pressione), e inviare una scarica elettrica di intensità tale da distruggere le larve nel giro di pochi secondi. Il tutto potrebbe essere fatto utilizzando un braccio meccanico, senza dovere per forza eliminare i rami, utilizzare scale o altri arnesi e quindi con una notevole velocità di azione per passare alla pianta successiva con un irrisorio se non quasi nullo costo. Faccio presente che tutto ciò non ha alcun fondamento scientifico ma si basa su una idea, per cui non è detto che funzioni e soprattutto non ha alcun scopo di lucro come potrebbe essere la ricerca del prodotto miracoloso che diverse aziende stanno studiando“.
Cordiali saluti

Link: 
11
Postato il: 5 novembre 2008 da stefano

Vorrei sapere se un proprietario non è nella condizione economica per abbattere una palma malata ma vorrebbe comunque rispettare la legge a chi si deve rivolgere?
Inoltre, è possibile curare una palma appena attaccata dal punteruolo rosso? Grazie

Link: 
12
Postato il: 18 ottobre 2008 da l.cattani

1) suggerirei di notificare i consorzi di Casalpalocco ed Axa per la pubblicazione ai soci dei consorzi.

2)Cosa si puo fare quando privati hanno palme moribonde o morte e non ne dispongono la eliminazione ???

Link: 
13
Postato il: 12 maggio 2008 da Federica

a quale azienda che opera su Roma potrei rivolgermi per un intervento di profilassi contro il "punteruolo rosso" della palma. Grazie

Link: 
TRAFFICO E VIABILITÀ