Roma 2 settembre 2014
4 aprile 2012

Ambiente, riaperti i giardini di Sant’Alessio all’Aventino

Comunicato stampa - editor: M.C.G.
CONDIVIDI

I giardini di Sant’Alessio all’Aventino, terminati gli interventi di riqualificazione, riaprono al pubblico ospitando la mostra “Ginnastica dei ciechi - la corsa al cerchio”, organizzata dall’associazione Probono Onlus, aperta al pubblico fino al 30 maggio prossimo.

Il restyling dell’area è stato realizzato dall’assessorato all’Ambiente di Roma Capitale, che ha provveduto alla pulizia e alla bonifica dei giardini, all’installazione di cigli perimetrali in travertino per delimitare gli spazi verdi, al restauro delle fontane e delle statue, alla cancellazione delle scritte dai muri e alla realizzazione di camminamenti interni con pavimentazione in ghiaia.

L’assessore capitolino all’Ambiente, Marco Visconti, ha dichiarato: «Un intervento per ripristinare il decoro e migliorare la fruizione di un luogo di grande valore storico-naturalistico, nel cuore dell’Aventino. Ai cittadini è stato restituito uno splendido panorama grazie all’intervento di tree climbing per la potatura degli arbusti esterni».

Proseguono intanto i lavori di recupero e messa in sicurezza delle alberature danneggiate dalle nevicate dello scorso febbraio. In previsione delle festività di Pasqua, che aumentano la fruizione delle ville e dei parchi, gli operatori del Servizio Giardini hanno intensificato le attività di rimozione dei rami pericolanti e provveduto allo sfalcio dell’erba.

Due squadre di giardinieri hanno avviato i lavori di potatura su 310 pini che insistono nella parte nord del Parco del Pineto rimuovendo circa 10 quintali di rami.

«La Pineta Sacchetti, insieme a Villa Ada e Villa Glori - ha dichiarato l’assessore Visconti - è stata una delle aree verdi più danneggiate dalla neve Le chiome ad ombrello dei pini, infatti, hanno trattenuto oltre 20 tonnellate di neve e ghiaccio che hanno provocato lo schianto di molti rami e danneggiato seriamente intere branche. Con la rimozione delle fronde più basse e della vegetazione spontanea che si era formata fino al belvedere, la pineta sarà più fruibile e sicura poiché il recupero della visibilità in tutta l’area del parco scongiurerà l’insediamento di accampamenti abusivi. Tutto il materiale legnoso sarà biotriturato e depositato sul suolo come deterrente naturale alla crescita delle piante infestanti»

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
titleMeteo
Parzialmente nuvoloso (notte)
18°C  | Dettagli
La settimana »
TRAFFICO E VIABILITÀ