Roma 23 novembre 2014
17 febbraio 2009

Allarme sicurezza a Roma e sgombero campo nomadi a Castelfusano. Le reazioni politiche

Comunicato stampa - editor: CGRN
CONDIVIDI

I fatti della Caffarella, le successive aggressioni a Porta Furba e al Tuscolono ai danni di cittadini rumeni hanno riacceso il dibattito politico. Ad animarlo ancora di più il recento sgombero di un campo nomadi a Castelfusano.


Dichiarazione di Antonio Stampete - PS

“La maggioranza di centrodestra sulla sicurezza è ormai in confusione mentale. Le dichiarazioni di vari esponenti del PDL in Consiglio Comunale che insistono sulle responsabilità delle passate amministrazioni denotano la difficoltà di passare dagli spot ad una seria politica di controllo del territorio”.
“E’ facile scaricare su altri quando si è all’opposizione, altra cosa è dimostrare di saper governare la città prendendo provvedimenti utili a contrastare la violenza. Purtroppo la realtà dimostra che alzando i toni con l’impiego di militari, l’aumento delle pistole, la castrazione chimica e i linciaggi mediatici la nostra città sta diventando una specie di Far West per aspiranti sceriffi”.
“I rischi di una deriva scellerata e di una giustizia fai da te con la caccia al diverso sono dietro l’angolo. Basta con i proclami si metta in condizione di operare chi è preposto alla sicurezza e gli amministratori eletti dai romani adottino innanzitutto provvedimenti idonei in tal senso invece di dire sciocchezze che alimentano ulteriormente il clima d’odio che si respira in città”.

Dichiarazione di Enrico Fontana - La Sinistra

“La drammatica violenza di sabato e il raid razzista che ne è seguito suscitano profonda inquietudine. A Roma e non solo sembriamo essere caduti in una spirare di odio senza fine” _“Dobbiamo reagire insieme per costruire città vivibili. A Roma, ad esempio, non è difficile stilare una mappa degli spazi pubblici (parchi, giardini, piazze e stazioni) per ognuno dei quali progettare interventi concreti di vivibilità e, quindi, di sicurezza per la città”.
“Alle istituzioni propongo dei veri e propri Contratti di adozione. Si tratterebbe in sostanza di contratti che Comune di Roma e Municipi stipulerebbero con le organizzazioni del volontariato, associazioni e comitati di quartiere, dove questi ultimi si impegnerebbero nella fruibilità delle aree scelte in cambio di contributi per l’attività svolta. In queste stesse aree pubbliche potrebbero concentrarsi gli interventi di vigilanza e controllo del territorio da parte della polizia municipale e delle forze dell’ordine”.
“Vivibilità e partecipazione sono due requisiti fondamentali di una vera sicurezza. Castrazioni chimiche e ronde invece fanno parte di un armamentario politico rozzo e inefficace”.

Dichiarazione di Fabrizio Santori - PDL

“Sul tema degli sgomberi prosegue l’impegno delle forze dell’ordine, come abbiamo visto oggi a Castelfusano, ma per aumentare il livello di sicurezza è necessario chiudere il cerchio procedendo con le espulsioni degli stranieri irregolari. E’ indispensabile inoltre che le operazioni di controllo e tutela del territorio si concentrino sulle periferie della città, dove ci sono le maggiori sacche di degrado sociale e illegalità diffusa”.
Lo dichiara il Consigliere capitolino Fabrizio Santori (PdL), Presidente della Commissione Sicurezza Urbana del Comune di Roma, a seguito della vasta operazione interforze per smantellare insediamenti abusivi nella pineta di Castelfusano, alla quale seguiranno altri importanti interventi in periferia.
“Ora ci vuole il pugno duro delle Istituzioni. Questa è la strada, peraltro già intrapresa, per evitare l’esasperazione dei cittadini, che dopo gli ultimi episodi ha raggiunto livelli altissimi di rancore, collera e sconforto. Solo così si può evitare la giustizia ‘fai da te’ e la mancanza di fiducia nei confronti dello Stato, conseguenze ovvie se la certezza della pena viene meno, un messaggio che può contribuire anche al grave pericolo di emulazione, vista la triste sequenza di violenze avvenute in diverse città italiane. Per questo attendiamo segnali concreti dal Governo e accogliamo favorevolmente il varo del decreto d’urgenza che anticipa alcuni provvedimenti del ddl sulla sicurezza, in particolare l’obbligo di custodia cautelare in carcere per chi è accusato di violenza e l’aumento degli organici delle forze dell’ordine”.

Dichiarazione di Roberto Soldà - Idv

“I fatti dimostrano che il problema sicurezza non si risolve con gli slogan. Si stanno prendendo provvedimenti tardivi visto che negli ultimi tempi stupri e aggressioni stanno aumentando”. Questo il duro attacco di Roberto Soldà, segretario romano del partito di Di Pietro l’Italia dei Valori, alla notizia dell’accelerazione della riunione del Consiglio dei Ministri nel pomeriggio per fronteggiare l’emergenza sicurezza in seguito allo stupro al parco della Caffarella a Roma. Quanto alla proposta del Governo sulla possibilità per i sindaci di avvalersi di cittadini privi d’armi per il controllo di varie aree della città"
“Pericoloso delegare ai cittadini il controllo del territorio perché se incontrassero delinquenti armati il rischio sarebbe quello d’incrementare le aggressioni e le vittime destinate sarebbero proprio le persone chiamate a controllare. Più logico sensibilizzare la gente a non reagire con indifferenza e a segnalare, tramite una telefonata gratuita alle forze dell’ordine, i casi di violenza dei quali potrebbero essere validi testimoni fornendo in tal modo un aiuto più concreto alla ricerca dei responsabili dei reati.”
“Il vero problema è la mancanza di fondi per l’incremento di personale nella Polizia, Carabinieri, Vigili Urbani, ecc. e per l’aumento dei loro strumenti di lavoro quali auto per le pattuglie e relativa benzina, solo per fare un esempio. E’ necessario sorvegliare in più punti la città prevedendo pattuglie anche nei parchi, luoghi in cui famiglie, giovani e anziani si devono sentire protetti.”

Dichiarazione di Luciano Ciocchetti - Udc

"Reputo che lo sgombero nella pineta di Castelfusano sia stato utilizzato dal Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, solo come vetrina per nascondere il vero problema "insicurezza" che vive la nostra città. Oggi nessun clandestino è stato trovato all’interno degli sporadici accampamenti".
"La situazione presente nella pineta era a conoscenza di tutti, e come promesso dal Sindaco, dopo il tragico evento verificatosi il 26 dicembre 2008, che ha visto perire una donna ed il suo piccolo bambino a causa di un incendio, doveva essere già risolta in maniera definitiva. Si torna a parlare in modo forte e deciso delle sorti della pineta del litorale di Roma proclamando uno sgombero lampo che vede intervenire ruspe e un’interforza formata da 20 poliziotti, 20 militari dell’Esercito, 15 del Corpo Forestale e 10 vigili urbani che mostrando come sempre il loro impegno trovandosi però ad intervenire su semi-abitazioni vuote in un territorio vasto come quello della pineta, che necessiterà di almeno una settimana per essere censito a dovere. Purtroppo, come nelle previsioni scarso è il risultato. Insomma, ci troviamo ancora una volta con in mano un "pugno di mosche" nessun fermo e solamente qualche piccola abitazione di fortuna abbattuta. Lontani da una soluzione definitiva – conclude Ciocchetti - dopo questa task-force più di effetto che di sostanza, si attendono sviluppi decisamente più ad ampio raggio e interventi molto più decisi e di forte efficacia, da parte del Sindaco di Roma, per porre fine, una volta per tutte, a questo scempio sociale, morale ed ecologico".

Dichiarazione di Francesco Alaimo - Movimento per l’Italia

"Aumentano le richieste di vigilanza privata e maggiormente nelle zone più cupe e incontrollabili. Oltretutto, gli insediamenti creano non pochi problemi in un eventuale fase di rischio incendio. In ogni insediamento, vi è di fatto presente una bambola gpl; e non avendo documenti di riconoscimento, non si saprebbe dove iniziare a contare le vittime. Noi ci adopereremo per collaborare a progetti fattivi e soluzioni di monitoraggio atti a produrre eventuali espulsioni, per chi trasgredisce e non rispetta le leggi e cultura del nostro paese".

CONDIVIDI
COMMENTA L'ARTICOLO
COMMENTI IN ARCHIVIO
titleMeteo
Parzialmente nuvoloso (giorno)
13°C  | Dettagli
La settimana »
TRAFFICO E VIABILITÀ