Roma 19 gennaio 2019

XXXII EDIZIONE PREMIO EUROPA - BANCARELLA ROMANA

Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 15 marzo 2010
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

Venerdì 19 marzo 2010 alle ore 18,00, nella Sala Giardino della Musica del Caffè Canova in Piazza del Popolo 16, si terrà la XXXII edizione del Premio Europa – Bancarella Romana Internazionale di Cultura Contemporanea dei Rioni di Roma.
Presentano la serata: Barbara BONOMI (giornalista del Sole24Ore) e Andrea PANCANI (vice-direttore del TgLa7).

Vince il Premio Europa – Bancarella Romana per la Saggistica a David Tozzo per il suo attuale e puntuale volume “WoW. Obama oltre Obama”, Casa Editrice Puky. A differenza delle tante proposte editoriali sul Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, non siamo di fronte né ad un’asciutta raccolta di suoi scritti o discorsi, né ad un volume che ha il suo focus quasi esclusivamente sulla sua vincente campagna elettorale del 2008.
Il volume, con uno stile schietto e audace, fa il verso alla straordinaria ventata d’aria freschissima che Barack Obama ha portato a livello politico, svelando il tratto mediatico infallibile.
Presidente Onorario di questa edizione è l’Onorevole Simone Gargano.
Collaborano all’iniziativa le Associazioni di categoria degli Edicolanti, dei Librai, dei Librai delle Bancarelle e delle Agenzie di Distribuzione Stampa.
Il Premio vuole sollecitare una continua campagna di sensibilizzazione alla lettura ispirandosi agli ideali della Costituzione Italiana e ai principi del pluralismo democratico teso all’elevazione morale, civile e culturale di tutti i cittadini, giovani e adulti.

30 ANNI DI

“PREMIO EUROPA – BANCARELLA ROMANA”

Negli Anni ’80, uno storico libraio delle bancarelle, romano e già collaboratore di manifestazioni importanti come Campiello e Selezione Bancarella, decide di dedicare un nuovo premio a quegli autori che fanno venir voglia di leggere sia che si tratti di libri, che di giornali o inchieste, romanzi o saggi.
Per selezionare i candidati si scelgono gli addetti ai lavori, coloro che tastano ogni giorno il polso del mercato e riconoscono la reazione dei lettori al primo sguardo. Nasce così il “Premio Europa - Bancarella Romana”, ispirato alla più alta tradizione dei premi letterari italiani, ma con l’idea di mettere insieme tutte le voci che il sistema dell’editoria sa esprimere dal basso, dal suo cuore pulsante: editori, distributori, librai, edicolanti, bancarellai dei Rioni di Roma. “Un premio davvero popolare”, come lo ha magistralmente definito Giulio Andreotti, Presidente onorario della rassegna, un momento di confronto e stimolo tra gli operatori della città, con una visuale ampia del mondo mediatico.

Importante la galleria di autori che hanno finora vissuto il Bancarella Romana come presidenti di giuria o come premiati: Sergio Zavoli, Walter Laquer, Pasquale Festa Campanile, Elietta Caracciolo, Gianni Bisiach, Giano Accame, Anna Fendi, Andrea Barbato, Furio Colombo, Maria Rosaria Omaggio, Maurizio Costanzo.

I riconoscimenti vengono, infatti, attribuiti a scrittori, giornalisti ed esponenti della cultura contemporanea raccogliendo le opinioni di chi ogni giorno misura il mercato della parola e decide quale sia stato nell’anno precedente il settore o il personaggio che ha saputo mantenere vivo il valore dell’informazione, il senso della partecipazione sociale, la consapevolezza del dovere civico.

Nell’edizione 2009 si è deciso di riconoscere il lavoro svolto dalla federazione Nazionale della Stampa per difendere la libertà del giornalismo nel centenario della fondazione dell’ente (1908-2008): il riconoscimento dunque è andato a Franco Siddi, Segretario generale della Fnsi.
Centrale anche l’attività d’informazione che transita dalla televisione ricollegandosi al giornalismo più analitico, all’approfondimento, rappresentata dal giornalista Giommaria Monti, autore televisivo (Samarcanda, Sciuscià, Omnibus, Niente di personale, Annozero) e scrittore concentrato su episodi cruciali della storia recente (dalle stragi di mafia agli episodi di violenza politica). La sezione dedicata alla ricostruzione storica è stata invece attribuita a Corrado Augias, il quale ha comunicato la sua impossibilità a partecipare alla serata ringraziando il comitato organizzatore per il riconoscimento.

Quest’anno il Premio Europa – Bancarella Romana affronta il suo trentaduesimo anno di vita, rinnovando l’impegno a mantenere fluido e critico il flusso delle idee, a salvaguardare il patrimonio di pensiero che l’Italia deve continuare a fornire nel sistema omologante e schiacciante del pensiero unico globale.

COMMENTA L'ARTICOLO