Roma 5 dicembre 2019

"LA VISITA DI OGGI" al TEATRO TESTACCIO

Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 1 febbraio 2012
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

LA VISITA DI OGGI
di Andrea Zanacchi

regia Manuela Bisanti

con Andrea Zanacchi e Giampaolo Filauro

Nella stanza di un manicomio si confrontano le storie di Ermanno e Alfredo il cui rapporto si sviluppa tra conflitti e complicità.
Il primo, un pubblicitario, si trova, apparentemente per errore, in questa situazione surreale, il secondo è oramai rassegnato all’etichetta di malato di mente. Nel rievocare il passato emergono le loro paure, le frustrazioni, i desideri e i rimpianti.
Da sfondo una dura denuncia ai loro contesti culturali, la ricerca del proprio posto nella società e l’adattamento forzato a un senso non percepito come proprio. Un incontro tra reale e ipotetico, uno scontro di tensioni, dialoghi inconsueti e onirici che presagiscono scenari di solitudini intime laddove l’isolamento sociale è causa ed espressione palese di tale disagio.
Una ribellione sui generis, un rifugio silente, la ricerca di risposte e “comode” certezze al servizio di una presunta normalità. Strapazzare il proprio sé, “diverso”,per quanto questa parola possa avere significato, da tutto ciò che lo circonda fino alla lucida resa.

Questo e tanto ancora è “LA VISITA DI OGGI” atto unico scritto da Andrea Zanacchi e diretto da Manuela Bisanti che andrà in scena dal 7 al 12 Febbraio alle ore 21.00, Domenica 12 Febbraio alle ore 18.00 presso il TEATRO TESTACCIO (Via Romolo Gessi, 8) di Roma.

Diretti dalla giovane attrice e regista Manuela Bisanti, già assistente alla regia di attori e registi noti nel campo, i due attori Andrea Zanacchi e Giampaolo Filauro, diplomati al Laboratorio di arti sceniche “Il Cantiere teatrale” condurranno il pubblico in una dimensione in cui si fondono dramma, commedia e poesia.
La pazzia come coperta dell’anima, dove cullare il proprio disagio, dove cessano le critiche e le ipotesi. “…basterebbero i forse di una persona a darti la forza per resistere, ma sei solo”.

Compagnia Velluto Rosso
email: compagniavellutorosso@gmail.com

http://www.teatrotestaccio.it

COMMENTA L'ARTICOLO