Roma 29 settembre 2016

Ibs+Libraccio Roma: "Allenarsi per il futuro"

Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 10 febbraio 2016
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

Ibs+Libraccio Roma - Via Nazionale 254/255

Mercoledì 10 Febbraio ore 18.00 presentazione di S. Cianciotta e P. Paganini a Roma

Allenarsi per il futuro

Introduce la giornalista di Rai Uno Barbara Carfagna

Ne discutono con gli autori

Romano Benini docente di Politiche del Lavoro e autore de “Il posto giusto” (Rai Tre)

Marco Ceresa ad di Randstad

Cesare Damiano presidente Commissione Lavoro della Camera dei Deputati

Gabriele Fava giuslavorista

Simona Malpezzi deputato Pd

Roberto Zecchino direttore HR Bosch Sud Europ

Che lavoro farete da grandi? È una domanda alla quale non potete rispondere perché non è stato ancora inventato. Allenarsi per il Futuro prova a individuare le occupazioni di domani, ma soprattutto offre un’analisi delle radicali trasformazioni del mercato del lavoro, ipotizzando le competenze che richiederà e che la scuola non sembra aver colto, né tantomeno essere in grado di coltivare. Per questa ragione, anche i modelli didattici e pedagogici devono cambiare. Essere curiosi, essere creativi ed essere intraprendenti, sono le tre principali attitudini attorno alle quali si deve strutturare l’attività di insegnamento, in un contesto nel quale il sapere è facilmente accessibile e condivisibile attraverso la rete e le tecnologie. Deve cambiare la scuola, che diventa smart.

Devono cambiare le classi - quella di oggi, frontale, è obsoleta - che devono aprirsi per diventare laboratori di sperimentazione e collaborazione. Anche il ruolo dell’insegnante deve cambiare, perché non è più il tramite attraverso cui apprendere ma un coordinatore, una guida e un motivatore. La Scuola deve essere il luogo dove scoprire e provare a risolvere problemi, dove sbagliare e imparare a rialzarsi. Deve tornare ad essere una palestra dove giocare e allenarsi. Perché è proprio lì, nella nuova scuola, che si inventano le professioni del futuro.

COMMENTA L'ARTICOLO