Roma 26 gennaio 2020

Rocco Mortelliti al Teatro Flaiano con "Teatro, amore mio!"

Da giovedì 12 a domenica 22 dicembre
Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 12 dicembre 2019
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

L’Associazione Culturale "Figli di Apollo"
presenta

Teatro, amore mio!

Ideazione e Regia di
Rocco Mortelliti
con
Alessandro Bruno, Miriam Fricano
Martina Paiano, e Mario Sapia

Teatro Flaiano - Via Santo Stefano del Cacco, 15

L’Associazione Culturale “Figli di Apollo” porta in scena al Teatro Flaiano “Teatro Amore Mio” dal 12 al 22 dicembre, con repliche dal giovedì al sabato alle ore 21, e la domenica alle 17.30.

In scena Alessandro Bruno, Miriam Fricano, Martina Paiano e Mario Sapia, diretti da Rocco Mortelliti che ha ideato il progetto nell’ambito di una collaborazione con l’Altrove Teatro Studio, strutturandolo poi in forma di spettacolo.

Quattro attori si interrogano sul senso del teatro nel mondo di oggi. Tramite l’utilizzo di pochi elementi evocano, analizzano e interpretano tutte le fasi più significative della storia del teatro, come per cercare il punto in cui il meccanismo si è inceppato.

Un viaggio attraverso le varie tecniche teatrali succedutesi nei secoli: dal teatro greco, e la sua funzione sociale-politica, alla nascita del teatro italiano con la commedia dell’arte, dalla pantomima creata dal maestro Decroux, ad autori moderni come Checov e Pirandello. Per giungere infine ad una critica ironica ma spietata delle storture degli ultimi decenni. Una condizione alla quale ogni singolo attore è "costretto" a sottostare, con il rischio, forse, di perdere il vero senso del fare teatro oggi. Una domanda riecheggia silenziosa ma prepotente: il teatro è veramente morto?

ROCCO MORTELLITI
Frequenta nel 1978 l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” in qualità di attore.
Si specializza sulla maschera della commedia dell’arte, recitando a fianco di Ferruccio Soleri (Arlecchino mondiale) sotto la direzione di Giorgio Strehler. Inizia una ricerca sulla maschera greca di Menandro (300 a.c.) e porta “La donna di Samo”, con la regia di Mario Prosperi, in tournèe negli Stati Uniti e in Giappone. Ha tenuto seminari sulla maschera in varie università. Lavora per la televisione e per il cinema con registi tra i quali: Pino Passalacqua, Andrea Camilleri, Carlo Lizzani, Ettore Scola, Nico D’Alessandria. Fonda nel 1984, con Demetrio Loricchio, una casa di produzione NUOVO FILM. Nel 1987 debutta al cinema scrivendo dirigendo e interpretando il film ADELMO. Nel 1990 dirige con Francesco Martinotti e Fulvio Ottaviano il film ad episodi sulla tossicodipendenza I TRARASSACHI (Festival di Venezia) con il quale vincono vari festival Internazionali e sono in lizza per la nomination all’Oscar. Sempre con Ottaviano partecipa ai film “Cresceranno i Carciofi a Mimongo” e “Abbiamo solo fatto l’amore” come attore. Nel 1999 dirige, scrive e interpreta il film “LA STRATEGIA DELLA MASCHERA” da un’idea di Andrea Camilleri, (distribuito dalla Cecchi Gori) . Parallelamente realizza spettacoli di mimo e pianoforte accompagnato da Paola Ghigo. Dirige inoltre “La voce umana” di Francis Poulenc, testo di Jean Cocteau. Tra i suoi altri film: “Quore”, opera prima di Federica Pontremoli, “Un difetto di famiglia” regia di A.Simone con N.Manfredi e L.Banfi.
Cura anche la regia di varie opere liriche tra cui “Dido and Aeneas” di H. Purcell e di C. Monteverdi “Il ballo delle ingrate”, “Il combattimento di Tancredi e Clorinda”. Ha scritto il libretto d’Opera “Il fantasma nella cabina” tratto da un racconto di Andrea Camilleri, curandone anche la regia (musica Marco Betta). Ha diretto, presso il Teatro Politeama Greco di Lecce l’opera lirica “Mozart e Salieri” di N.Rimsky Korsakow e “Bellini, le ultime luci” di Marco Betta. Al teatro Di Ankara, diretto dal maestro Dario Lucantoni, ha curato la regia di due opere liriche “Gianni Schicchi” di G. Puccini e “ La notte di un nevrastenico” di Nino Rota. Ha messo in scena “L’Inferno” di Dante Alighieri, prodotto dalla compagnia “Orazio Costa”. “Metamorfosi” di Ovidio prodotto dall’Atam per i giochi del Mediterraneo, Pescara 2009.
Tra i suoi lavori più recenti “La Magaria” favola in musica scritta da Andrea Camilleri e musicata da marco Betta, il film “La scomparsa di Patò” dal romanzo di Andrea Camilleri uscito nelle sale cinematografiche nel 2012, la regia teatrale di “Famosa” di Alessandra Mortelliti 2014 infine la regia de “La Traviata” andata in scena in Giappone nel 2015.

ALESSANDRO BRUNO
Alessandro Bruno muove i primi passi presso “Studio Cinema” dal 2014 al 2016. Le sue prime esperienze nel doppiaggio si svolgono parallelamente allo studio della recitazione, fino agli studi all’Accademia d’Arte Scenica dell’Altrove Teatro Studio dove si diploma nel 2019. Ha già avuto delle esperienze televisive, tra cui il programma ”In rime Sparse” per il Vicariato di Roma su tv Sat2000.

MIRIAM FRICANO
Nata il 19/06/1994 a Palermo, dove comincia i suoi studi teatrali. Trasferitasi a Roma, subito dopo il liceo, prosegue i suoi studi presso l’ Accademia Internazionale di Teatro dove si diploma come attrice e aiuto regista nel 2016.
Nel 2017 vuole perfezionare la parola e intraprende un nuovo percorso formativo presso l’Accademia D’Arte Scenica “Altrove Teatro Studio”, diretta da O. Bianchi e G. Latini, dove entra in contatto con registi e maestri quali G. Rocca, M. Farau, P. Autore, S. M. Campagna, R. Mortelliti. Durante il percorso ha studiato recitazione cinematografica con il regista S. Viali e recitazione in inglese su vari testi anglosassoni classici e contemporanei con G. Chiararo. Partecipa a vari stage con maestri tra i quali A. Baracco, P. de Santis e P. Pellegrino.
Nel 2014 in scena con “A qualcuno piace...clown” regia di P. Candela. Nel 2015 in scena con uno spettacolo in lingua spagnola “La comedia de los errores” regia di S. Marcotullio. Nel 2016 in scena con “La notte rubata” regia di D. Nuccetelli. Nell’estate del 2016 si cimenta come presentatrice del “Premio nazionale di poesia Himera”.

MARTINA PAIANO
Il suo percorso formativo inizia con i corsi semi professionali dell’ Associazione I Pensieri dell’Altrove e, successivamente, all’Accademia di Arte Scenica dell’Altrove Teatro Studio, dove si diploma nel 2019. Tra i suoi docenti: Ottavia Bianchi, Giorgio Latini, Massimiliano Farau, Giuseppe Rocca, Stefano Viali, Paola Autore, Sandro Maria Campagna e Gabrielle Chiararo. Ha collaborato come aiuto regia per la compagnia “Le Bussole” dell’associazione culturale La Barchetta, inoltre come assistente alla regia per Giorgio Latini nello spettacolo di esordio dell’Altrove Teatro Studio L’amore, la morte e le tasse.

MARIO SAPIA
Nato a Villaricca (Na) l’ 08/05/1984, frequenta la Scuola Teatrale Amici del Teatro di Napoli con direttori artistici B. Casillo e M. T. Campana. Nel 2006 si trasferisce a Roma dove frequenta il DAMS. Partecipa al workshop a cura di Elio Germano con la Palestra Attoriale di Artisti 7607 e al laboratorio cinematografico a cura di Stefania De Santis. Partecipa alla rassegna teatrale Schegge d’Autore con “L’ultima sinfonia di Salvatore Scirè” e continua a lavorare con lo stesso in “Cocktail di Scambi”. Lavora nel film Rai “In arte Nino”, per la regia di Luca Manfredi con Elio Germano e Massimo Wertmuller e nella serie tv Sky Dov’è Mario?.

Teatro, amore mio!
Ideazione e regia di Rocco Mortelliti
Produzione Associazione Culturale Figli di Apollo
Con Alessandro Bruno, Miriam Fricano, Martina Paiano e Mario Sapia
Maschere Stefania Mortelliti
Musiche Paola Ghigo
Grafica Miriam Fricano

TEATRO FLAIANO
Via Santo Stefano del Cacco, 15
Prenotazioni al 06 37514258
segreteria@teatroflaiano.com

COMMENTA L'ARTICOLO