Roma 13 novembre 2018

Parco dell’Appia Antica, festival d’arte "Per Appiam 2018"

“ENTRA L’INVISIBILE” dal 7 al 23 settembre, VII edizione del festival internazionale d’arte - pittura, scultura, fotografia, concerti e spettacoli teatrali
Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 6 settembre 2018
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

Da venerdì 7 settembre l’Ente Parco Regionale dell’Appia Antica ospita nell’Ex Cartiera Latina di Roma la VII edizione di Per Appiam, festival internazionale d’arte organizzato da Ipazia Immaginepensiero Onlus e curato dalla pittrice Roberta Pugno.

La manifestazione, che si protrarrà fino al 23 settembre, beneficia del patrocinio dell’Assessorato alla Crescita Culturale del Comune di Roma e prevede una mostra che coinvolge dodici artisti tra pittori, scultori e fotografi, accompagnata da un ricco programma di concerti e spettacoli teatrali.

Il titolo scelto per questa edizione, “Entra l’invisibile”, è tratto da I giganti della montagna di Pirandello e rappresenta un approfondimento del tema della creatività affrontato l’anno precedente. “Siamo qua come agli orli della vita, contessa. Gli orli, a un comando, si distaccano; entra l’invisibile: vaporano i fantasmi. È cosa naturale. Avviene ciò che di solito accade nel sogno. Io lo faccio avvenire anche nella veglia”. Con queste parole il mago Cotrone racconta i prodigi della villa in cui abita, un luogo incantato in cui sogno, realtà e poesia si fondono. Geniale intuizione della possibilità per gli esseri umani di una vita non scissa tra cosciente e non cosciente, dove il non cosciente è capacita di immaginare e fantasia.

“Si tratta di un tema di ricerca fondamentale per un’associazione come la nostra che si pone infinite domande sul rapporto tra vita e arte, tra figure della coscienza e immagini, e ancora, tra mondo percettivo e creatività, fino al rapporto complesso e tutto da studiare tra pensiero per immagini e storia delle parole - sottolinea il presidente di Ipazia Immaginepensiero Onlus, Antonio Di Micco -. Se l’anno scorso ci siamo avvicinati al senso de L’infinito di Leopardi cercando il misterioso inizio della creatività, quest’anno vogliamo attraversare la profonda magia che sprigionano ‘I giganti della montagna’: cos’e la villa, cos’e ‘l’infinito ch’e dentro gli uomini’ di cui parla Cotrone?”.

A fornire una riposta ci prova, con l’universalità dell’arte, la pièce teatrale a cura del Laboratorio Nomade di Angela Antonini, Cristina Menconi e Paola Traverso in programma per domenica 16 settembre. Come lucciole nella notte è infatti una originale riproposizione de I giganti della montagna.

Il momento della ricerca storica è affidato all’incontro “Pirandello e il suo secolo”, a cura di Annalina Ferrante (venerdì 21 settembre), mentre il legame tra arte contemporanea, visionarietà e sogni sarà indagato da Gabriella Gentile e dagli artisti che espongono nel corso di un confronto previsto per sabato 22 settembre.

Questa edizione di Per Appiam è arricchita dalla prima nazionale dello spettacolo El cuerpo di e con Marcela Szurkalo (domenica 9 settembre) e dalle performance della gioiosa orchestra di musica popolare EtnoMuSa (domenica 23 settembre), del QuadraCoro (sabato 15 settembre), del Coro MuSa diretto da Paolo Camiz (domenica 16 settembre), dell’Other Colors Trio (venerdì 14 settembre), della Banda Connemara (sabato 8 settembre), del quartetto d’archi MuSa (domenica 9 settembre) e di Giorgio Panzera, Andrea Mancini, Matteo Montaldi, Paolo Di Gironimo, Toni Avenoso (domenica 23 settembre).

Ospite speciale della manifestazione sarà l’associazione Spiritree. Anche quest’anno proseguirà la collaborazione con il laboratorio Aletheia del Centro Diurno Arvalia di Roma e con i suoi ospiti (DSM ASL ROMA 3 – Comune di Roma Dipartimento Politiche Sociali).

MOSTRA

Sono presenti per la pittura: Francesco Filincieri, Stefania Panelli, Armando Pelliccioni, Roberta Pugno, Barbara Sbrocca e Laura Tondi. Espongono gli scultori: Paolo Camiz, Orazio Cordischi, Maurizio Gaudenzi e Roberto Marino. Le fotografie sono di: Francesco Gentile, Stefano Giorgi e Cristian Rossi.

www.ipaziaimmaginepensiero.org

Calendario Eventi Per Appiam 2018

Sabato 8 settembre, ore 17.30

THE INVISIBLE BUTTERFLY

Banda Connemara, concerto di musica etnica e folk celtico.

Becky Tavani voce e flauti; Massimo Ponti voce e violino; Matteo Montaldi fisarmonica; Iacopo Fiorio chitarra e mandolino; Jacopo Narici percussioni.

Domenica 9 settembre, ore 11.30

DA LODI A NEW YORK SU 16 CORDE

Quartetto d’archi MuSa

Daniele Gorla e Giulia Liberatoscioli violini; Alessandro Mancuso viola; Antonello Rubini violoncello.

W. A. Mozart Quartetto n. 1 in sol magg. K 80 "Lodi"; A. Dvořak Quartetto n. 12 in fa magg. op. 96 "Americano".

Domenica 9 settembre, ore 17.30

“EL CUERPO”

Una vida de imagines, spettacolo interdisciplinare

Marcela Szurkalo ideazione, voce, ballo, recitazione e dipinti; Mariano Navone bandoneon, clarinetto e ballo; Luca Nostro chitarre ed effetti sonori; Mattia Mariani luci e videoproiezioni.

Mercoledi 12 settembre, ore 11.00

TRA LE IMMAGINI

Incontro con gli ospiti dei Centri di salute mentale.

Venerdi 14 settembre, ore 17.30

PAPAVERI ROSSI E NUOVE STORIE

Other Colors Trio

Andrea Mancini sax soprano e contralto; Andrea Passini contrabbasso; Daniele Sechi batteria.

Sabato 15 settembre, ore 16.00

“PER NASCERE SON NATO”

QuadraCoro, il Coro del Quadraro, diretto da Francesco Giannelli.

Canti popolari dal mondo di autori anonimi.

Musiche di E. Sciorilli, A. Trovajoli, D. Modugno, L. Luttazzi, E. Morricone, P. Conte, F. Giannelli - A. Poeta.

Domenica 16 settembre, ore 11.30

POLIFONIA VOCALE NEL ’500 E ’600"

Coro MuSa, diretto da Paolo Camiz.

Brani di C. Jannequin, J. Arcadelt, O. di Lasso, F. Caccini, T. Morley, J. Bennet, J. Dowland, O. Vecchi, A. Banchieri.

Domenica 16 settembre, ore 17.30

COME LUCCIOLE NELLA NOTTE

Performance teatrale e testi di Laboratorio Nomade. Con A. Belloni, T. Bozzi, F. Capuani, T. Ciferri, E. Di Martino, L. Di Paolo, S. Farinacci, E. Mariani, M. Santarelli, G. Vergnani e con la P. Traverso. Regia di Angela Antonini, definizione drammaturgica Paola Traverso, consulenza movimenti di scena Cristina Menconi.

Venerdi 21 settembre, ore 18.00 (SALA CONFERENZE)

SE LEI, CONTESSA

Pirandello e il suo secolo. Incontro a cura di Annalina Ferrante, giornalista culturale. Intervengono: Giuseppe Benedetti, docente di scuola superiore, coautore di Gramsci per la scuola (L’asino d’oro edizioni); Simona Mggiorelli, direttore del settimanale Left, autrice di Attacco all’arte (L’asino d’oro edizioni); Ludovica Valeri, regista e attrice.

Sabato 22 settembre, ore 17.00

“ESCONO ALLORA I SOGNI...”

Gabriella Gentile incontra gli artisti e le loro opere. Interventi alla chitarra di Carlo Zaghi.

Domenica 23 settembre, ore 11.30

CANTI E DANZE DELLA TRADIZIONE ITALIANA E NON SOLO

Orchestra di musica popolare EtnoMuSa, coordinata da Letizia Aprile
ballate narrative, serenate, variazioni di tarantelle.

Domenica 23 settembre, ore 17.30

CORRENDO INCIAMPANDO CADENDO, RIALZANDO LA TESTA

Giorgio Panzera chitarra, voce, composizioni e arrangiamenti; Andrea Mancini sax Matteo Montaldi fisarmonica; Paolo Di Gironimo contrabbasso; Toni Avenoso batteria.

COMMENTA L'ARTICOLO