Roma 27 maggio 2018

Ibs+Libraccio: presentazione del CD "Italy meets Cuba – Vivaldi and other follies"

Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 18 maggio 2018
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

Ibs+Libraccio Roma - Via Nazionale 254/255

Venerdì 18 Maggio ore 18.00

Presentazione del CD

Italy meets Cuba – Vivaldi and other follies
Alfa Music

Intervengono Maurizio D’Alessandro, Andrea Polinelli, Francesco Russomanno

L’idea che Maurizio D’Alessandro e Massimiliano Caporale hanno avuto parte da lontano, richiamando la versione delle Quattro Stagioni di Vivaldi scritta nel 1995 dal compositore argentino Jorge Calandrelli per Eddie Daniels. Non si voleva però ricreare una copia tout court di quella magnifica versione ma rileggerla oggi a distanza di più di venti anni: il progetto Vivaldi ed altre follie è frutto delle elaborazioni che hanno fatto nascere quelle che l’autore definisce Visioni fuggitive fra classica e jazz. Si è preservato così di Vivaldi l’impianto strutturale, senza snaturarlo ma mantenendone la sua cifra descrittiva. La semplicità, la chiarezza e piacevolezza dei temi vivaldiani è sempre stata considerata dai musicisti e compositori un tranquillizzante punto fermo, utile perché riconoscibile anche fra le pieghe di una elaborazione e quindi percepibile nell’orizzonte sonoro di un’attesa. Sono stati utilizzati alcuni incipit tematici delle Stagioni in quasi tutti i movimenti; pretesto e funzione della traccia improvvisativa lasciata ora al clarinetto, ora al pianoforte, ora a entrambi gli strumenti sostenuti dal sapiente e mutevole pattern ritmico di basso e batteria, sempre comunque sul rassicurante tessuto timbrico dell’orchestra d’archi. Altre volte, come nel Largo della Primavera ad esempio, la lunga arcata melodica ha subito un processo di riempimento, arricchimento, di arabesco musicale che flessuosamente deviando i confini della melodia stessa rende il movimento un altro da sé. Le digressioni, tanto quelle preparate che quelle più immediate, sono pertanto trasversalmente presenti ma, crediamo, sempre nella direzione di coerenza musicale preservando cioè in buona misura Vivaldi.

La passione per il sapere e per la cultura musicale, dall’esecuzione alla ricerca storico-musicologica, alla didattica e progettazione/organizzazione di eventi fanno di Maurizio D’Alessandro una figura assolutamente eclettica. Clarinettista concertista, specialista di corno di bassetto, dedito alla riscoperta di musicisti e repertori musicali del passato; ideatore di programmi musicali originali che spaziano dal ‘700 alla musica contemporanea. Didatta e operatore culturale nell’area dei Castelli Romani: ideatore e curatore artistico di eventi, festival e stagioni concertistiche.

COMMENTA L'ARTICOLO