Roma 23 giugno 2017

Concerti Jazz al 28Divino Jazz: KNUP Trio e Stefano Scarfone RELIVE3

Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 16 febbraio 2017
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

VENERDI 17 FEBBRAIO

ore 22.30

KNUP TRIO

Fabrizio Boffi (pianoforte e composizione)
Francesco De Palma (contrabbasso)
Emanuele Tomasi (batteria)

Un giusto equilibrio tra Jazz, Rock e... Punk. (KNUP al rovescio vuol dire PUNK)

Il Knup Trio nasce alla fine del 2014 dall’incontro tra Fabrizio Boffi (pianoforte), Francesco de Palma (contrabbasso) e Emanuele Tomasi (batteria). I tre si chiudono in studio per un anno durante il quale si dedicano all’elaborazione di un proprio stile; l’attenzione alla composizione è alta, anche le improvvisazioni, mutuate dallo stile jazzistico, sono incastonate all’interno di strutture che servono a "guidare" i momenti solistici e a non snaturare la struttura generale del pezzo. A questo si alternano parti interamente scritte, come invece avviene nel rock e nel pop, dove gli interventi dei singoli strumenti vengono curati nei minimi particolari.

Nel 2015 nasce così KNUP! Il loro primo album, registrato a Roma negli studi di OfficineZero da Maurizio Lollobrigida e masterizzato presso il Tube Recording Studio da Mauro Laficara ; dieci tracce contraddistinte da sonorità jazz-rock che affondano le proprie radici in formazioni come i newyorkesi The Bad Plus o gli svedesi E.S.T., ma anche in gruppi
dichiaratamente rock come Queens of the Stone Age, Nirvana e e Radiohead. Il risultato di questa sinergia è una musica energica, a tratti sperimentale, che sa alternare momenti molto melodici e evocativi a momenti più spiccatamente rock.

La formazione classica del trio jazz non impedisce la ricerca di suoni elettrici e, anzi, permette un’innovativa commistione tra jazz, rock, punk e elementi grunge, attraverso l’uso di effetti elettronici e multitrack recording. Il disco è uscito a maggio 2016 per l’etichetta Emme Record Label di Enrico Moccia

SABATO 18 FEBBRAIO

ore 22.30

Stefano Scafone
RELIVE3trio

Stefano Scarfone, chitarra, composizioni
Aldo Bassi, tromba
Fabian Patrizi, percussioni

STEFANO SCARFONE "RELIVE3trio" un progetto live che va oltre gli schemi classici e consueti presenti nel jazz.
Un progetto musicale che ha la sua essenza nella capacità di creare esperienza emozionale.
Un live ricco di atmosfere che trovano la loro origine nel Mare Nostrum, stili percussivi e richiami stilistici che fanno pensare immediatamente alla Spagna, al Maghreb e ai Balcani senza dimenticare un’approfondita ricerca tipica del “carattere” di Scarfone.
Questo progetto mette in evidenza doti virtuosistiche di livello, passaggi funanbolici uniti alla carezza della melodia “italiana” in un live mai ripetitivo e di elevato spessore artistico, che evidenzia le grandi doti da leader dell’artista portando ad esplorare lo strumento a 360 gradi.

Stefano Scarfone a soli sei anni ha imbracciato la sua prima chitarra per non lasciarla mai più.
"Adoro la musica acustica, gli archi, la batteria suonata delicatamente con le spazzole, la voce di una tromba, il battito percussivo sulla cassa di una chitarra… tutte le mie energie sono concentrate sulla ricerca dell’espressività. Ripeto un nota all’infinito finché non suona come voglio… cambio tecnica e diteggiatura in funzione del suono che è l’unica cosa su cui sono veramente concentrato quando studio."
Stefano è un compositore, un chitarrista e producer. Con il sold out di 6 mila spettatori pagandi alla Fil di Gadalajara in Messico e le critiche positive della stampa si è guadagnato definitivamente un posto tra i pochi artisti italiani ad avere rilevanza internazionale, per il suo modo assolutamente personale di utilizzare la chitarra acustica come mezzo espressivo a 360 gradi.

Stefano Scarfone imbraccia la prima chitarra nel 1977, l’anno in cui nasce il punk: ma è attirato da ben altre sonorità... All’età di 14 anni prende vita il suo amore per il jazz e la sua vita da studente si colora di seminari, concerti e approfondimenti. Inizia da subito a scrivere musica e nel 1988 vince il premio Mariano Romiti (provveditorato degli studi di Roma) per composizione musicale, con il brano “Ballata in re minore”.

Dal 1996 la sua carriera si dividetra le attività live e le tournée, la produzione artistica e l’arrangiamento, la composizione di colonne sonore nel settore televisivo, pubblicitario e cinematografico. Collabora come session man e produttore con molti artisti del panorama italiano ed internazionale e con numerose etichette discografiche (Sony, Bmg Universal, Warner e Virgin), vince un disco per l’estate (Rai) con la produzione “La danza delle ore”, vince un Key Awards (Oscar per la pubblicità), compone brani e colonne sonore per centinaia di produzioni, principalmente per la Rai. Nel 2005 si autoproduce il suo primo album solista, “Original soundtrack”, una raccolta di brani già utilizzati per film e sonorizzazioni, e si dedica alla promozione live del lavoro. Dopo anni di concerti, nel 2007, è proprio la Rai a credere nella pubblicazione del suo secondo album solista “Estrella”. Recensito positivamente dalla critica e dalle riviste di settore, definisce l’identità dell’artista da un lato come compositore capace di fondere la sua mediterraneità con influenze jazz e blues, con le ritmiche flamenche e balcaniche, con i battiti percussivi nordafricani e uno spiccato senso melodico italiano; dall’altro nella ricerca stilistica inerente lo strumento utilizzato in modi singolari ed inconsueti.

Dal 2007 Stefano Scarfone calca i palchi e i teatri di tutto il mondo, dall’Italia all’Inghilterra, dalla Spagna alla Germania, vendendo circa 10mila copie dei suoi album. Nel 2008 in Messico partecipa alla Fil di Guadalajara con un sold out di 6mila paganti.

Nel 2011 esce il suo terzo album: “Precipitevolissimevolmente” definito dall’illustre penna di Gianmichele Taormina (Jazzitalia): “un lavoro che brilla intensamente di una speciale densità poetica. Di un’autenticità pura e unica nel suo genere”. Un disco coinvolgente, sognante e pulsante, che vede nella prestigiosa line up il batterista messicano Israel Varela (Pat Metheney, Mike Stern, Hiriam Bullock, Alex Acuna, Charlie Haden, Bireli Lagrene) la contrabbassista romana Caterina Palazzi, il violinista e armonicista cubano Juan Carlos Albelo Zamora (Gabriella Ferri, Pino Daniele), il bassista fretless Luca Pirozzi (Mick Goodrick, Mike Stern) e il trombettista inglese Quentin Collins (Prince, Craig David, Alicia Keys).

28Divino Jazz - Via Mirandola, 21 - 00182 Roma - Tel 340 8249 718 - www.28divino.com

Ingresso Live: 12 euro con prima consumazione inclusa

COMMENTA L'ARTICOLO