Roma 11 novembre 2019

Capita a Monteverde. Il ritorno in libreria di Nina Quarenghi a Villa Pamphilj

sabato 9 novembre
Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 8 novembre 2019
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

Nina Quarenghi ritorna in libreria con Capita a Monteverde, una raccolta di racconti dedicata a uno dei quartieri più belli della città di Roma. In libreria per Arkadia Editore dal 7 novembre, il libro sarà presentato sabato 9 novembre alle 15:00 a Villa Pamphilj presso la biblioteca Villino Corsini.
Intervengono con l’autrice Anna Balzarro e Paola Balzarro, letture di Michela Cesaretti Salvi.

Il libro
C’è un quartiere, a Roma, che parla al cuore di chi lo ascolta. La sua voce si arrampica sulle Mura Gianicolensi e si adagia sulle panchine di Villa Sciarra, esce dagli occhi appannati dei vecchi e dalle carte degli archivi, emerge dalle pagine del Messaggero e dalle foto in bianco e nero di un album parrocchiale. Giorgio Caproni, Pier Paolo Pasolini, Gianni Rodari, qui hanno respirato aria di casa, hanno intrecciato le loro vite a quelle della gente di Monteverde, nel saliscendi delle strade, nei cortili delle scuole e nei salotti, nel divenire della Storia. Questi racconti raccolgono le tante anime di questo spicchio d’Italia; anime in guerra, anime in pace, travolte da battaglie politiche, giochi d’amore, malintesi e abbagli, bombardamenti aerei e nubi tossiche, pistole parlanti, gatti eroici, feroci terroristi e adolescenti innamorati. La vita pulsa calda tra le strade di questo quartiere romano, che continua a parlare, ieri come oggi, al cuore di chi lo ascolta.

Nina Quarenghi è nata a Castiglione delle Stiviere nel 1973. Vive a Roma dal 2002, dove insegna lettere e collabora con l’Istituto di storia della Resistenza. Dopo la laurea in lettere ha compiuto studi di storia sociale nel territorio mantovano, pubblicando il suo primo volume, L’altra battaglia. Solferino e San Martino tra realtà e memoria (Cierre edizioni, 1999). Il suo secondo libro, Un salotto popolare a Roma. Monteverde (1909-1945) (Franco Angeli, 2014) è un saggio di storia urbana che fa parte di una collana di studi sull’identità di Roma nel Novecento. Ha pubblicato diversi racconti su riviste letterarie, alcuni dei quali hanno ricevuto riconoscimenti, come Filarella, vincitore del Premio Racconti nella rete 2017, pubblicato nell’omonima antologia per Nottetempo. Il suo primo romanzo, Cuore Agro (Arkadia, 2018), è stato vincitore dell’XI edizione del Premio Nazionale Zingarelli.

COMMENTA L'ARTICOLO