Roma 20 agosto 2018

AAMOD presenta: MONDO ZA di Gianfranco Pannone

Giovedì 17 maggio 2018 – ore 18
Comunicato stampa - editor: M.C.G. | Data di pubblicazione 17 maggio 2018
CONDIVIDI
MUNICIPI E QUARTIERI

MONDO ZA

di Gianfranco Pannone

Sala Zavattini FONDAZIONE AAMOD
Via Ostiense 106 - Roma (Centrale Montemartini)

Al termine della proiezione
incontro con Adriano Aprà e Vincenzo Vita
Sarà presente il regista

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Cesare Zavattini e la Bassa reggiana. La Bassa reggiana e Cesare Zavattini.
Un rapporto di reciprocità ricco e complesso, che in questo film intreccia passato e presente, creando un nuovo tempo sospeso attraverso le testimonianze di quattro uomini d’età e condizioni sociali diverse. Un film a partire dal grande Za, padre del Neorealismo italiano, che incontra idealmente la sua gente in questo pezzo d’Emilia lambito dal fiume Po. E’ il prossimo appuntamento di CineAamod, la rassegna che l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico dedica ad opere che vedono coinvolta la stessa Fondazione AAMOD nella produzione, co-produzione o collaborazione, in programma giovedì 17 maggio alle ore 18 presso la Sala Zavattini dell’AAMOD.

"Mondo Za"
un film di Gianfranco Pannone
scritto da Nico Carrato, Primo Giroldini e Gianfranco Pannone
prodotto da Primo Giroldini e Giovanna Beghi
per Effetto Notte e Poligraphic
in associazione con Aamod, Movimento Film
produttori associati Mario Mazzarotto e Gianfranco Pannone
in collaborazione con Raicinema e Emilia Romagna Film Commission
e con BPER Banca, Conad, Fondazione Un paese
musica originale Daniele Furlati
montaggio Nicola Tasso
fotografia Pierpolo Pessini
regia di Gianfranco Pannone
80 minuti – Italia 2017

SINOSSI
Wainer, insieme a suo fratello Rino, va spesso a pescare al fiume, dove oggi spadroneggiano i pesci siluro, che divorano tutto. Senza più lavoro, Wainer si interroga, con qualche rimpianto, sulla propria famiglia di tradizioni partigiane e antifasciste. Gli ideali e le aspettative in un mondo migliore hanno ceduto il passo alla delusione.
Leo, detto Pavone, è l’ultimo dei pittori naif. Sempre in compagnia del piccolo cane Tupin, dipinge con passione e con rabbia, perché come pittore si sente limitato. Passa le giornate sui suoi ingenui quadretti e a governare i cavalli, oltre che a contemplare la bella barista che lavora a poca distanza dal vecchio casale in cui vive da solo.
Giovanni, pensionato ed ex militante comunista, fotografa ogni angolo della Bassa. Da piccolo conosceva Ligabue, il pittore randagio di origine svizzera ma simbolo di questa terra; e guarda al proprio passato politico con spirito critico ma amorevole.
Prince è l’unico che viene da fuori. Africano di vent’anni originario del Ghana, ha conosciuto la poetica di Zavattini. Che ora “rappa” con le sue canzoni composte insieme all’amico e coetaneo Luck-Man. I due ragazzi rappresentano il nuovo in questa terra tanto ancorata alla propria storia lontana e recente. Di fatto impediscono, con le loro semplici canzoni ispirate a Zavattini, che il Maestro sia dimenticato.
La Bassa è ormai casa per loro, anche grazie al pittore Ligabue, che immaginava qui la sua Africa, fatta di bestie feroci vicine al suo inquieto stato d’animo.
E casa, la Bassa, lo è anche per gli indiani del Punjab, che ora governano le aziende agricole e i cui figli parlano con uno spiccato accento emiliano.

NOTE DI REGIA
La Bassa reggiana come luogo dell’ anima. Una terra piatta, dove l’orizzonte si perde. La sua gente reagisce a questa mancanza con passione e calore, unendo alla ragione una creativa, generosa "follia". Il Po è una lunga linea che traccia un confine ed è al fiume che si rivolgono i "paesan" per placare le proprie ansie. Così faceva anche Cesare Zavattini, che era di queste parti e che a Luzzara, il paese dove è nato, tornava spesso, magari per passare le mattine al bar, a parlare con la gente del posto nel bel dialetto musicale di questa terra. La poetica dell’incanto di fronte alla realtà l’ha ereditata proprio dalla sua Bassa, terra di artisti e di matti, ma anche di accesa vis politica. E oggi? Oggi le tracce di Zavattini le puoi trovare qua e là nella Bassa. In un vecchio e solitario pittore naif che sembra uscito da un racconto dello stesso scrittore luzzarese, come in un ragazzo africano emigrato con la famiglia da queste parti, che in inglese (ma senza tralasciare il dialetto locale) rappa versi e pensieri del grande Za. E sullo sfondo vaga il fantasma di Ligabue, il pittore svizzero che finì da queste parti e che, vivendo come un clochard nella boscaglia fuori il paese di Gualtieri, con la sua arte trasformò la Bassa in un’Africa lussureggiante. Cose così accadono in questa terra di confine, fuori piatta e monotona, dentro inquieta è mai doma. E Zavattini sorveglia su tutto e su tutti, come un padre bambino sempre vicino agli umili.

GIANFRANCO PANNONE
Regista e sceneggiatore, laureato in Lettere moderne e diplomato in regia al Centro Sperimentale di Cinematografia, tra il 1991 e il 1998 ha prodotto e diretto la Trilogia dell’America (Piccola America, Lettere dall’America, L’America a Roma) e nel 2001 Latina/Littoria, premiato come miglior film documentario al Torino Film Festival. Tra i suoi medio e lungometraggi ricordiamo: Pomodori (1999), Sirena operaia (2000), Pietre, miracoli e petrolio (2004), Io che amo solo te (2005), Cronisti di strada (2006), Il sol dell’avvenire (2008) - evento speciale al Festival di Locarno, ma che Storia... - presentato nel corso dell’edizione 2010 del Festival del Cinema di Venezia, Scorie in libertà (2011-2012), Ebrei a Roma – evento speciale presentato alla Festa del Cinema di Roma 2012. Del 2014 il lungometraggio Sul vulcano, finalista ai David di Donatello e ai Nastri d’argento. I suoi lavori gli sono valsi la partecipazione a molti festival italiani e internazionali. Socio fondatore di Doc/It e membro dell’associazione 100autori, è responsabile del Laboratorio di Cinema documentario al Dams dell’Università Roma Tre e professore al CSC-Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Info su http://scrittoio.net/portfolio/mondo-za/

Infoline: 06/57289551 - 06/5742872 - 06/5730544
www.aamod.it

COMMENTA L'ARTICOLO